Musica Recensione Musicale

The Orange Cabbas – The Orange Cabbas

TheOrangeCabbas

The Orange Cabbas - The Orange Cabbas

Il disco d’esordio dei lodigiani The Orange Cabbas consta di sei convincenti brani di solido rock, venato di blues e arricchito di elementi psichedelici.
Il gruppo è un sestetto: voce, due chitarre, basso, batteria, più un sassofonista/armonicista, il cui apporto diventa fondamentale per suggerire determinate atmosfere.
Prima ancora di dissigillare il cd, ne gusto la bella grafica retro, la copertina disegnata a mano e colorata a china e pastello, l’estetica onirica.
La prima parte del disco è più energetica: Plastic Love ha un riff che rimane in testa già dal primissimo ascolto; sulla chitarra dominante si assestano prima un po’ di wah-wah, poi il sax (sia all’unisono che in assolo). Peter Plan apre con uno stop and go molto anni ’70, poi si va, con la voce che passa dallo sporco al vibrato; prima del refrain finale c’è spazio per una divagazione blues, strumentale, ipnotica e distorta, col sax ancora in evidenza. Puro rock’n’roll ad alta tensione è invece Mind Revolution; bel riff e bel testo, che nella sua semplicità descrive efficacemente il contrasto tra l’appiattimento culturale della società del denaro e della televisione e la resistenza che pochi rivoluzionari le oppongono (sì, il rock serve ancora). Morbida l’apertura di Tonight; in seguito, quando il brano parte, la sua ossatura rimanda a certo rock anni ’90. Dal canonico quattro quarti passiamo a un altro tempo in sei, con scala di accordi ascendenti. I ritmi rallentano ulteriormente con Through The Sun, che si apre con il verso-chiave «I live in a motionless city», in cui l’ascoltatore cremonese non fa fatica a immedesimarsi, così come quello di Lodi (e allora viva Cremonapalloza e viva Rebel Kid Music, realtà giovanili che cercano di rendere meno immobili le rispettive città); ed è divertente seguire le lyrics, scritte in gran parte in senso circolare, rigirandosi tra le mani il booklet del cd. Il finale è una ballata vera, acustica, delicata: Magic Summertime. Un brano d’amore quasi in stile hippie, a cui è facile abbandonarsi canticchiandolo qua e là.
Un disco di piacevole ascolto, che – senza alcuna pretesa di volere proporre cose nuove – si fa apprezzare per la buona tecnica e l’immediatezza, e in particolare per l’innesto di componenti atipiche nella giusta misura, senza voler strafare. È un bene che ci siano gruppi come The Orange Cabbas.

Riguardo l' autore

McA

Si registra sul Forum di Cremonapalloza in data 01/02/03 senza farlo apposta e senza sapere che quel momento costituirà davvero un nuovo «Via!» della sua vita.
Nel 2006 è tra i fondatori dell’Associazione Cremonapalloza, di cui ricopre da sempre il ruolo di Segretario.
Ama il cinema, il rock e la Cultura in generale.

Commenta

Clicca per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

D.E. S.I.C.A.

  • I premiati del D.E. S.I.C.A. 16
    I premiati del D.E. S.I.C.A. 16
    D.E. S.I.C.A. 16
    Daylong Emergent Showbiz Initiative Cremonapalloza Award Miglior cortometraggio
    Loma Video – Lapis canit Miglior interpretazione
    Francesco Samperi per Sto Arrivando A Milano Centrale E Non Ho Molto Tempo Per Pensarci – Come te Miglior montaggio
    DCF | Warinhari – La pietra Miglior sceneggiatura
    Coumpagnaa Col... Continua »
  • D.E. S.I.C.A. 16 al via, ecco il tema
    D.E. S.I.C.A. 16 al via, ecco il tema
    Il tema del D.E. S.I.C.A. 16 è: La pietra dello scandalo... Continua »

LIBER

  • 10 secondi
    Che flash, che botta, un’allucinazione bellissima.
    Lui, Diego Armando Maradona, con la maglia della Cremo.
    Durò 10 secondi, ma furono fantastici.
    L’immagine più bella di quel 4 febbraio 1990.... Continua »
  • Il derby
    Stava partendo, il treno che ci avrebbe portato al derby stava partendo.
    La metà dei presenti non era ancora nata quando si era giocato l’ultimo, e l’altra metà era troppo piccola fin per farsi le seghe.
    Qualche vecchio che ha fatto il derby c’è, la maggior parte di... Continua »

FORUM

  • ImmaginAzione • Re: Quadri, una collezione.
    ImmaginAzione • Re: Quadri, una collezione.

    Nessuno riesce a fondere modernità e classicismo, realismo e sogno, armonie e disarmonie, dettagli e atmosfera come Degas.
    La prima impressione, osservando uno dei suoi quadri, è spesso quella di una sorta di fotografia casuale, scattata in un momento qualunque.
    Eppure più si osserva, più emergono dubbi, simboli, perturbazioni di... Continua »
  • La città di Cremona • Re: Toponimi ufficiali e toponimi reali
    È impossibile farsi capire menzionando Piazza Giovanni XXIII: occorre dire Santa Maria della Pietà o riferirsi a Cerri o a dove c'era il Centro Fumetto.... Continua »