Musica Recensione Musicale

Cripple Bastards – Blackmails And Assholism

cripple

Cripple Bastards - Blackmails And Assholism

Mastodontico. Questo è il primo aggettivo per descrivere l’ultimo arrivato in casa Cripple Bastards, ossia il doppio dvd Blackmails And Assholism, pubblicato dalla Obscene.
Mastodontico, dicevo, ma non solo. Curato. Esauriente. Contraddittorio. Esplicito. Divertente. Pornografico. E tanto altro.
Il primo dvd contiene innanzitutto la cronistoria del primo decennio della band. Anno per anno. Le voci narranti principali sono quelle di Giulio The Bastard e Alberto The Crippler, intervistati in tempi recenti. E poi, il materiale di repertorio. Davvero tanto e anche di buona qualità, già dall’anno zero. Gli albori astigiani del 1988, il duo formato da Alberto e Giulio (nemmeno quattordicenne). La nascita dello splendido logo. L’ampliamento della line up, con Giulio che dalla batteria può finalmente dedicarsi solo alla voce. La formazione che registra il primo full-length dei Cripple Bastards, Your Lies In Check (Eduardo O’ Brazil al basso e Michele Hoffman alla batteria). Giulio The Bastard con maglietta arancione di Arancia meccanica che fuma una canna durante le prove (rarità?). Tutte le facce di Alberto The Crippler. Il concerto interrotto dopo due minuti e mezzo per intemperanze del pubblico di vandali. Una tonnellata di informazioni, tutte fornite con precisione metodica. E questo, ovviamente, lo apprezzo moltissimo. Finisce il documentario. Salto nel tempo. 2002. Cripple Bastards Go America. Giulio The Bastard, Der Kommissar, Schintu The Wretched, Al Mazzotti. Costa est. Trionfo immediato al leggendario CBGB di New York. Vita on the road, attitudine cazzona. La seconda a New York non va così bene, anzi non va proprio. All’ABC No Rio, i Cripple Bastards non suonano per via della copertina del loro cd Almost Human. Suvvia, è solo una copertina! Altro flash forward. 2003. Ancora Stati Uniti, questa volta sulla costa ovest. Dalla California a Seattle. E giù fino in Messico, a Tijuana, la città più malvagia del pianeta. Fine del primo dvd. Anzi, no: c’è il bellissimo trailer del dvd stesso, da vedere.
Part two: i secondi dieci anni del gruppo, dal 1998 ai giorni nostri. In tre ore. In ordine sì cronologico, ma più che altro tematico. La registrazione del capolavoro Misantropo A Senso Unico, con Schintu The Wretched al basso e Walter Dr. Tomas alla batteria. La nuova era senza Alberto The Crippler. Fulvio Hatebox, chitarrista live a cavallo tra anni ’90 e anni ’00. Fulvio stesso che, intervistato, loda le invenzioni sonore di Alberto. La nascita della formazione attuale con l’ingresso di Der Kommissar e Al Mazzotti. I tanti Obscene Extreme Festival, in Repubblica Ceca. Quello del 2001 con Giulio vestito da picciotto e la fronte sfondata di microfonate, quello del 2006 con le maglie da calcio (taroccate) della Nazionale. Il rapporto con l’organizzatore Curby. L’album Desperately Insensitive e le controversie con la “scena”. Il C.S.A. Dordoni, la powerhouse (così viene definita) dei Cripple Bastards e dell’estremismo musicale italiano. Le locandine dei festival storici del Dordoni: si riconoscono i loghi dei nostri cari vecchi gruppi cremonesi. L’evoluzione musicale, l’hardcore e il grind, l’anima punk e quella metal, a voler farla semplice. Le registrazioni del Promo 2006 in Svezia, allo Studio Fredman. I quattro ci torneranno a febbraio 2008 per dare alla luce un nuovo disco. L’album del ventennale, interamente in italiano. Per finire, dopo il documentario, l’intero concerto all’Obscene Extreme Festival 2003. Mezz’ora di inferno. Pogo violento, invasioni di palco e stage diving a ripetizione. Fine del doppio dvd. Sei ore e mezza circa.
Cose che odio. Il rap di merda che fa da colonna sonora ad alcune sequenze americane. Le poche inquadrature deformate, che fanno diventare le persone larghe come amplificatori Marshall. Il fatto che non mi si veda mai, né al Dordoni, né al Transilvania di Piacenza nel 2004, dov’ero in prima fila, davanti a Giulio.
Cose che amo. Tutto il resto. Il grande lavoro di selezione e montaggio di Bruno Blasi. L’alternarsi di grezzume video e riprese professionali. Ma soprattutto il fatto di poter vedere i Cripple Bastards giovanissimi e capelloni.
Consigliatissimo.

Riguardo l' autore

McA

Si registra sul Forum di Cremonapalloza in data 01/02/03 senza farlo apposta e senza sapere che quel momento costituirà davvero un nuovo «Via!» della sua vita.
Nel 2006 è tra i fondatori dell’Associazione Cremonapalloza, di cui ricopre da sempre il ruolo di Segretario.
Ama il cinema, il rock e la Cultura in generale.

Commenta

Clicca per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

D.E. S.I.C.A.

  • I premiati del D.E. S.I.C.A. 16
    I premiati del D.E. S.I.C.A. 16
    D.E. S.I.C.A. 16
    Daylong Emergent Showbiz Initiative Cremonapalloza Award Miglior cortometraggio
    Loma Video – Lapis canit Miglior interpretazione
    Francesco Samperi per Sto Arrivando A Milano Centrale E Non Ho Molto Tempo Per Pensarci – Come te Miglior montaggio
    DCF | Warinhari – La pietra Miglior sceneggiatura
    Coumpagnaa Col... Continua »
  • D.E. S.I.C.A. 16 al via, ecco il tema
    D.E. S.I.C.A. 16 al via, ecco il tema
    Il tema del D.E. S.I.C.A. 16 è: La pietra dello scandalo... Continua »

LIBER

  • 10 secondi
    Che flash, che botta, un’allucinazione bellissima.
    Lui, Diego Armando Maradona, con la maglia della Cremo.
    Durò 10 secondi, ma furono fantastici.
    L’immagine più bella di quel 4 febbraio 1990.... Continua »
  • Il derby
    Stava partendo, il treno che ci avrebbe portato al derby stava partendo.
    La metà dei presenti non era ancora nata quando si era giocato l’ultimo, e l’altra metà era troppo piccola fin per farsi le seghe.
    Qualche vecchio che ha fatto il derby c’è, la maggior parte di... Continua »

FORUM

  • ImmaginAzione • Re: Quadri, una collezione.
    ImmaginAzione • Re: Quadri, una collezione.

    Nessuno riesce a fondere modernità e classicismo, realismo e sogno, armonie e disarmonie, dettagli e atmosfera come Degas.
    La prima impressione, osservando uno dei suoi quadri, è spesso quella di una sorta di fotografia casuale, scattata in un momento qualunque.
    Eppure più si osserva, più emergono dubbi, simboli, perturbazioni di... Continua »
  • La città di Cremona • Re: Toponimi ufficiali e toponimi reali
    È impossibile farsi capire menzionando Piazza Giovanni XXIII: occorre dire Santa Maria della Pietà o riferirsi a Cerri o a dove c'era il Centro Fumetto.... Continua »