Musica Recensione Musicale

Makaber Antrieb – Silenzi

makaber antrieb silenzi

Makaber Antrieb - Silenzi

Giunti al secondo cd, i Makaber Antrieb confermano ciò che di buono era stato immortalato sul primo lavoro, omonimo, datato 2006, superandolo per sicurezza compositiva, impatto sonoro e produzione (nuovamente affidata a BeatBazar).
Rispetto al disco di quattro anni fa, la prima differenza che mi salta all’orecchio è la sparizione totale del tupa-tupa di stampo hardcore, tipo treno in corsa, in favore di una base ritmica più ostinata, tipo martello su incudine, non disdegnando la violenta lentezza che la fa da padrone nel metal contemporaneo. In questo nuovo Silenzi, poi, è tutto l’impianto di batteria e basso a segnare una svolta: la sezione ritmica si muove massiccia e compatta, laddove nella prova precedente il suono era parecchio distante, sfuggente, addirittura “leggero” nell’utilizzo di un rullante quasi “da banda”, molto squillante, soppiantato qui dal rullo-macigno ben più incisivo di Steven, accompagnato dalle linee di basso di Ranca, che ha spesso spazio per inserti solisti, sui quali applica una distorsione modello trapano davvero azzeccata.
Su queste fondamenta si costruiscono i muri di chitarre di Riki e Bart, che tirano fuori una media di tre riff pesanti a canzone, influenzati dal thrash puro anni ’80, come nell’apertura di Houvre, ma anche da roba molto più moderna, come nell’immediatamente successiva e più sperimentale title track, Silenzi, che, oltre a sequenze di accordi a tratti melodiche, si impone come brano più ragionato e complesso tra i sei di cui si compone il cd, con cambi di ritmo, doppia cassa a badila, tempi dispari, assolo paludoso di basso distorto e stoppate quasi prog. È Lungo Il Fiume a imporre all’attenzione la voce di Bozzu, che inizia con un parlato appena appena urlato, si trasforma poi in un grido di frustrazione, venendo infine convogliata in un growl che è odio puro. Uno dei passaggi migliori del disco si trova qui, dopo il primo refrain: un breve ponte, lentissimo, puntellato dai versi «L’uomo di spalle / Che esce di scena / Trafitto impotente / Si accascia ansimante». Un plauso generale agli ottimi testi, che evitano facili scivoloni ad alta densità di pomodoro stile b-movie splatter: le parole di Bozzu esprimono una crudeltà che definirei sobria, algida, quasi chirurgica, rispetto a quello che ci si aspetterebbe da questo genere (che i Makaber Antrieb stessi amano definire, un po’ ironicamente, catastrophic thrashcore. In fondo, rende bene l’idea).
Altro fattore in controtendenza, la scelta di porre in coda i due pezzi più veloci (e anche più corti a livello di minutaggio): Frammenti, i cui giri di accordi sono forse meno ispirati che negli altri brani (sarà che mi pare di cogliere qualche passaggio troppo “già sentito”), e la potentissima Disorientati Nel Caos, che ha decisamente l’attacco più cattivo di tutto il cd, con le chitarre grattugiate fino a scorticarle (e scorticarsi!), e si chiude nemmeno due minuti dopo, con il basso ronzante a tenere l’ultima nota giusto qualche secondo in più, solitario.
Insomma, il cd convince, ma, se siete in dubbio riguardo a procurarvene o meno una copia, lascio perdere i convenevoli: un prodotto di questo tipo, tutt’altro che trasversale, può piacere solo se siete già fan della musica dura, almeno dal metal tradizionale in su. Quelli che non hanno un orecchio abituato a queste sonorità, potranno giusto apprezzare il buon assolo di chitarra pulita che spunta nel mezzo della terza traccia; per il resto, rimarranno, appunto, disorientati nel caos.

Riguardo l' autore

McA

Si registra sul Forum di Cremonapalloza in data 01/02/03 senza farlo apposta e senza sapere che quel momento costituirà davvero un nuovo «Via!» della sua vita.
Nel 2006 è tra i fondatori dell’Associazione Cremonapalloza, di cui ricopre da sempre il ruolo di Segretario.
Ama il cinema, il rock e la Cultura in generale.

Commenta

Clicca per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

D.E. S.I.C.A.

  • I premiati del D.E. S.I.C.A. 16
    I premiati del D.E. S.I.C.A. 16
    D.E. S.I.C.A. 16
    Daylong Emergent Showbiz Initiative Cremonapalloza Award Miglior cortometraggio
    Loma Video – Lapis canit Miglior interpretazione
    Francesco Samperi per Sto Arrivando A Milano Centrale E Non Ho Molto Tempo Per Pensarci – Come te Miglior montaggio
    DCF | Warinhari – La pietra Miglior sceneggiatura
    Coumpagnaa Col... Continua »
  • D.E. S.I.C.A. 16 al via, ecco il tema
    D.E. S.I.C.A. 16 al via, ecco il tema
    Il tema del D.E. S.I.C.A. 16 è: La pietra dello scandalo... Continua »

LIBER

  • 10 secondi
    Che flash, che botta, un’allucinazione bellissima.
    Lui, Diego Armando Maradona, con la maglia della Cremo.
    Durò 10 secondi, ma furono fantastici.
    L’immagine più bella di quel 4 febbraio 1990.... Continua »
  • Il derby
    Stava partendo, il treno che ci avrebbe portato al derby stava partendo.
    La metà dei presenti non era ancora nata quando si era giocato l’ultimo, e l’altra metà era troppo piccola fin per farsi le seghe.
    Qualche vecchio che ha fatto il derby c’è, la maggior parte di... Continua »

FORUM

  • ImmaginAzione • Re: Quadri, una collezione.
    ImmaginAzione • Re: Quadri, una collezione.

    Non avevo mai letto o sentito parlare di Toulouse-Lautrec, finché non ho visto Moulin Rouge!, lo straordinario film del 2001 di Baz Luhrmann, in cui il pittore francese era interpretato da un ottimo John Leguizamo.
    Una folgorazione.... Continua »
  • Agorà • Re: Piccole soddisfazioni personali...
    Dopo qualcosa come 25 anni, mi sono reso conto che il brano che apre il disco Dainamaita dei Casino Royale, intitolato De Maestro E..., è in sostanza la cover di Caravan Petrol di Renato Carosone.

    Provate, ascoltate il pezzo

    iframe

    e al momento giusto cantateci sopra:Mm'aggio affittato nu camello
    Mm'aggio... Continua »