Musica Recensione Musicale

Korova MilkBar – Clown

Korova MilkBar Clown

Korova MilkBar - Clown

Clown è il titolo del nuovo ep dei Korova MilkBar, band piacentina attiva ormai da quasi dieci anni, al terzo progetto discografico dopo il demo del 2005 e l’album eponimo del 2008. Il gruppo prende programmaticamente il nome dal locale di Arancia meccanica in cui Alex e i drughi passano le serate prima di scatenare la loro ultraviolenza urbana. La musica del gruppo spazia dal nu metal in voga a cavallo del cambio di millennio a un post rock e post punk molto personale, con importanti sviluppi melodici.
Il progetto Clown intriga fin dalla struttura: il disco è infatti un vero e proprio concept album, diviso in sei brani/ritratti di altrettanti buffoni teatrali e letterari: Yorick, il buffone di corte morto da tempo nell’Amleto shakesperiano; Il Cappellaio Matto di Alice nel paese delle meraviglie; l’Estragon in perenne attesa di Godot, Hop-Frog, il nano-giullare inventato da Edgar Allan Poe; Joker, il criminale folle antagonista di Batman e infine la malinconica maschera del pagliaccio Pierrot. Dal punto di vista strettamente musicale, le molte influenze dei Korova MilkBar generano variazioni continue all’interno di ogni singolo brano, che non è mai semplicemente post rock o post metal, ma sempre un mix di varie strutture musicali. Il disco nel suo insieme è invece omogeneo e coerente, come si conviene a quello che è realmente un album fotografico in musica. Chitarroni metal, suoni hard rock, velocità punk si fondono e si alternano all’interno di ogni brano, ma l’elemento che mi ha sorpreso maggiormente è l’approccio pop, nel senso migliore del termine, alla scrittura e alla fusione di melodie e testi. I testi sono particolarmente curati e spesso nascondono passaggi di vera poesia, le tante ispirazioni letterarie del disco non sono dunque fuori luogo, e le variazioni e influenze musicali mi ricordano, più dei gruppi che immagino di riferimento per il genere proposto, un altro gruppo italiano, ovvero i Marta Sui Tubi. Chissà se qualcuno l’ha mai detto ai Korova MilkBar.
Il disco è in free download dal sito ufficiale del gruppo, www.korovamilkbarmusic.it, nonché dalla loro pagina SoundCloud.

D.E. S.I.C.A.

  • Tutti i premiati del D.E. S.I.C.A. 15
    Tutti i premiati del D.E. S.I.C.A. 15
    D.E. S.I.C.A. 15
    Daylong Emergent Showbiz Initiative Cremonapalloza Award 🏆 Miglior cortometraggio
    Loma Video – Il cortile sulla finestra 🏆 Miglior interpretazione
    Dario Camozzi per Random Ramen – Click Clack 🏆 Miglior montaggio
    Australopitechi – In Game 🏆 Miglior sceneggiatura
    Proxima Centauri – Galileo 🏆 Premio del pubblico
    Coumpagnaa Col Portulòto – Ducktale 🏅 Menzione per... Continua »
  • D.E. S.I.C.A. 15 al via, il tema
    D.E. S.I.C.A. 15 al via, il tema
    Il tema del D.E. S.I.C.A. 15 è: Prestazione inconsapevole... Continua »

LIBER

  • Il derby
    Stava partendo, il treno che ci avrebbe portato al derby stava partendo.
    La metà dei presenti non era ancora nata quando si era giocato l’ultimo, e l’altra metà era troppo piccola fin per farsi le seghe.
    Qualche vecchio che ha fatto il derby c’è, la maggior parte di... Continua »
  • Macchie
    Ogni sera e ogni giorno incontro Snicio o Micioopy. Lo trovo sempre in Piazza Roma, dalle parti del Filo. Mi vede e mi viene incontro miagolante con la sua coda nera, ritta come antenna, quelle delle nostre radio captano musica, la sua i croccantini. Nella mia borsa tengo... Continua »

FORUM

  • Musica • Re: Il vinile del giorno
    Musica • Re: Il vinile del giorno
    Genesis - Foxtrot (1972, ristampa 1985)

    Per capire appieno una delle pietre angolari del progressive rock, sviscerata al convegno cremonese quindici anni fa, occorre districarsi tra riferimenti storici, biblici, satanici, dialoghi a più voci...
    Altrimenti non sarebbe progressive rock.

    ... Continua »
  • Musica • Re: Il vinile del giorno
    Musica • Re: Il vinile del giorno
    Donna Summer - I Feel Love / Can't We Just Sit Down (And Talk It Over) (1977)

    La voce di Donna si muove languida sui loop di sintetizzatore di Moroder, indirizzando la musica da ballare verso territori elettronici.
    Il brano è perfetto per la classica orgia al ralenti carburata dalla... Continua »