Musica Recensione Musicale

John Frusciante – Shadows Collide With People

shadows

John Frusciante - Shadows Collide With People

Per molti John Frusciante ha rappresentato l’idea di un personaggio alquanto “particolare”, probabilmente in merito al suo famoso abbandono dei Red Hot Chili Peppers, ma anche per la sua nota vita da tossico prima del ritorno nel gruppo (qualcuno sostiene che gli altri, così facendo, gli hanno salvato la vita. Può essere…), e in Shadows Collide With People conferma questa idea.
Come si è potuto notare dagli album dei Peppers dal suo rientro, Frusciante non è più quel chitarrista dipinto d’argento di Give It Away, o almeno non vuole più esserlo. L’impressione è quella che abbia voluto ritagliarsi uno spazio di maggiore peso rispetto a quello che gli era concesso, oscurato da personaggi come Flea e Anthony Kiedis, proponendo qualcosa che è l’antitesi di ciò che i Peppers sono (o almeno erano all’inizio): musica intimista, con un po’ di elettronica e un pizzico di noise, il tutto condito con cantati pieni di riverbero e atmosfere “celestiali”…
Inutile sottolineare come probabilmente alcune idee di questo album avrebbero giovato alla recente produzione dei Red Hot Chili Peppers, anche se un’immagine che calza a pennello a questo disco è quella della ragazza con il walkman che nella gita scolastica appoggia la testa al finestrino del pullman, mimando l’essenza della malinconia, e non è certo quello che ci aspetterebbe dal gruppo.
Il risultato è un discreto album di un chitarrista che suona tutti gli strumenti (ormai è un vero e proprio genere), un po’ paranoico, ma con alcune canzoni decisamente carine, con una preferenza per quelle meno sperimentali, come Omission, e che ha un sentore di redenzione dalla prima all’ultima traccia.

Riguardo l' autore

jami

non c'è spazio a sufficienza per scrivere tutto.

Commenta

Clicca per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

D.E. S.I.C.A.

  • Tutti i premiati del D.E. S.I.C.A. 17
    Tutti i premiati del D.E. S.I.C.A. 17
    D.E. S.I.C.A. 17
    Daylong Emergent Showbiz Initiative Cremonapalloza Award  Miglior cortometraggio
    Loma Video - L’eclittica del Sagittario  Miglior interpretazione
    Francesco Samperi per Señor Spielbergo Squad - Riallineamento  Miglior montaggio
    Bergamin Production - Il segno del topo  Miglior sceneggiatura
    ImproVabili - 17 dicembre, sotto il segno dell’Ofiuco  Premio del pubblico
    Bergamin Production - Il... Continua »
  • D.E. S.I.C.A. 17 al gran finale, stasera al Filo proiezioni e premiazioni
    D.E. S.I.C.A. 17 al gran finale, stasera al Filo proiezioni e premiazioni
    Errata Porridge, I Fratelli Grimbol, Loma Video, Señor Spielbergo Squad, Coumpagnaa Col Portulòto, ImproVabili, Sifa Production, Alice Libera, Bergamin Production, Gente Di Mare, Galileo, Non Guardarmi: sono questi i nomi delle 12 squadre in concorso per aggiudicarsi l’edizione numero 17 del D.E. S.I.C.A., concorso di cortometraggi a tema... Continua »

LIBER

  • Un ragazzo dagli occhi bianchi
    Devo proprio raccontare questa cosa.
    Facevano il banchetto, i Morandi. Ogni terza domenica del mese, al mattino, dopo la messa. Mettevano giù una tovaglia per terra, sopra una specie di montagnola fatta di asfalto e di sassi catramati rimasti lì dai lavori dei garage. L’aveva sollevata d’estate la... Continua »
  • Entusiasmo
    Era un classico sabato sera invernale di provincia con un cazzo da fare, ma migliaia di giovani si stavano preparando per viverlo.
    Una settimana sui banchi di scuola o al lavoro doveva essere lasciata alle spalle con una serata da leoni, giocandosi alla roulette russa delle strade provinciali... Continua »

FORUM

  • TV, serie e altro • Re: Boris
    Su RaiPlay, Sei pezzi facili di Mattia Torre.

    https://www.raiplay.it/programmi/seipezzifacili

    Sei pièce teatrali messe in scena per la tv, sotto la direzione artistica e la regia di Paolo Sorrentino. Un progetto dedicato al genio di Mattia Torre, interpretato da attori-amici, compagni di tante avventure di cinema, teatro e fiction.
    Regia: Paolo Sorrentino
    Interpreti:... Continua »
  • Musica • Re: La canzone che ti tira su
    Party Hard, singolone trainante dall'esordio di Andrew W.K. (datato 2001), mi tira invariabilmente su per vari motivi: dall'entusiasmo senza cognizione del nostro uomo (che è anche attore, wrestler, motivatore e ha suonato la batteria per 24 ore di fila) alla somiglianza che diverse persone ravvisano tra lui e... Continua »