Musica Recensione Musicale

Bangarang! – EP

bangarang

Bangarang! - EP

I cremaschi Bangarang! esordiscono con EP: sei tracce che si fanno apprezzare per le doti tecniche e compositive dei quattro esperti musicisti, ma ancor più per un’attitudine alla contaminazione che, a partire da un condiviso terreno funky, rende questo cd realmente eclettico e vario, fusion nel senso etimologico del temine. Nondimeno, il sound è unitario e coerente dall’inizio alla fine dei venti minuti e venti secondi d’ascolto.
Per giocare, come un gioco molto serio sembra questo dischetto strumentale (o meglio, privo di cantato, ma non di voci!), provo a collocare in virtuali scaffali di genere i sei brani. L’intro Tucucu è uno scherzo drum’n’bass di nemmeno mezzo minuto, farcito di campionamenti (Marco Zanardi dissemina per tutto il disco citazioni che divertiranno chi saprà coglierle, dai suoni di vecchi cartoni animati a frammenti cinematografici e tanto altro). Si prosegue con Cargo, ottimo Hammond beat, in cui spiccano in alternanza il tipico suono di tastiera e la chitarra di Marco Torriani: il brano, di ispirazione dichiaratamente Sixties, risulta però moderno ed energetico, in virtù di una produzione massiccia e satura, che caratterizza poi tutto l’album (registrato da Gigi Galmozzi al Morbid Sound Studio). Sand Witch mi fa pensare a un gruppo grunge che ha preso una sbandata per la musica orientale, e vede al suo interno l’inserto improvviso di un ponticello surf tutto da godere, nonché un poderoso assolo del basso di Gregorio Conti. Protoparapseudo parte come un western in salsa psycho, e dopo qualche minuto di crescendo decolla verso lo space rock più suggestivo. Sette Di Vendetta, il mio brano preferito, è progressive puro à la Ozric Tentacles: il batterista Ruben Gardella tiene un tempo in sette (quindi il titolo è eccessivamente assertivo!), complicandolo finché può; i suoni sono distorti ed effettati, ad accumulare. Chiude Rufio, potente hard garage, nel quale gli inserti dialogati svelano una volta per tutte il film da cui i Bangarang! prendono il nome (e chi ancora non è ci arrivato…). L’impatto sonoro del pezzo porta automaticamente a immaginarne l’esplosiva resa dal vivo.
Un lavoro come EP dimostra come oggi, anche senza alle spalle grandi produzioni, si possano realizzare dischi convincenti (che tutto dipenda poi dalla qualità musicale, è fin troppo ovvio): a questo proposito, una nota di merito va anche alla scelta di presentare un oggetto visivamente curato, grazie ai disegni di Sumo e al progetto grafico di Czec.
Tra i ringraziamenti, sul retro di copertina, figura il nome di Bugo, che dopo il suo ultimo album ha scelto di portarsi in giro per lo stivale proprio i Bangarang! in qualità di turnisti. Un motivo ci sarà!

Riguardo l' autore

McA

Si registra sul Forum di Cremonapalloza in data 01/02/03 senza farlo apposta e senza sapere che quel momento costituirà davvero un nuovo «Via!» della sua vita.
Nel 2006 è tra i fondatori dell’Associazione Cremonapalloza, di cui ricopre da sempre il ruolo di Segretario.
Ama il cinema, il rock e la Cultura in generale.

Commenta

Clicca per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

D.E. S.I.C.A.

  • I premiati del D.E. S.I.C.A. 16
    I premiati del D.E. S.I.C.A. 16
    D.E. S.I.C.A. 16
    Daylong Emergent Showbiz Initiative Cremonapalloza Award Miglior cortometraggio
    Loma Video – Lapis canit Miglior interpretazione
    Francesco Samperi per Sto Arrivando A Milano Centrale E Non Ho Molto Tempo Per Pensarci – Come te Miglior montaggio
    DCF | Warinhari – La pietra Miglior sceneggiatura
    Coumpagnaa Col... Continua »
  • D.E. S.I.C.A. 16 al via, ecco il tema
    D.E. S.I.C.A. 16 al via, ecco il tema
    Il tema del D.E. S.I.C.A. 16 è: La pietra dello scandalo... Continua »

LIBER

  • 10 secondi
    Che flash, che botta, un’allucinazione bellissima.
    Lui, Diego Armando Maradona, con la maglia della Cremo.
    Durò 10 secondi, ma furono fantastici.
    L’immagine più bella di quel 4 febbraio 1990.... Continua »
  • Il derby
    Stava partendo, il treno che ci avrebbe portato al derby stava partendo.
    La metà dei presenti non era ancora nata quando si era giocato l’ultimo, e l’altra metà era troppo piccola fin per farsi le seghe.
    Qualche vecchio che ha fatto il derby c’è, la maggior parte di... Continua »

FORUM

  • ImmaginAzione • Re: Quadri, una collezione.
    Insomma, è senza dubbio l'esposizione che più mi segnò negli anni liceali, a pari merito con Le Ruote Quadrate.Tu lo sai che Le Ruote Quadrate è un'esposizione pensata e relizzata a Calitri, vero?... Continua »
  • ImmaginAzione • Re: Quadri, una collezione.
    Ricordate i manifesti ovunque?Ricordo alla perfezione la mostra, ricordo alla perfezione i manifesti e soprattutto ricordo alla perfezione le nostre risatine strozzate e i reciproci sguardi d'intesa nell'apprendere (da chi ne sapeva) la corretta pronuncia olandese, che si può ascoltare qui tra 2:44 e 2:52. Ash e io... Continua »