Musica Recensione Musicale

Bangarang! – EP

bangarang

Bangarang! - EP

I cremaschi Bangarang! esordiscono con EP: sei tracce che si fanno apprezzare per le doti tecniche e compositive dei quattro esperti musicisti, ma ancor più per un’attitudine alla contaminazione che, a partire da un condiviso terreno funky, rende questo cd realmente eclettico e vario, fusion nel senso etimologico del temine. Nondimeno, il sound è unitario e coerente dall’inizio alla fine dei venti minuti e venti secondi d’ascolto.
Per giocare, come un gioco molto serio sembra questo dischetto strumentale (o meglio, privo di cantato, ma non di voci!), provo a collocare in virtuali scaffali di genere i sei brani. L’intro Tucucu è uno scherzo drum’n’bass di nemmeno mezzo minuto, farcito di campionamenti (Marco Zanardi dissemina per tutto il disco citazioni che divertiranno chi saprà coglierle, dai suoni di vecchi cartoni animati a frammenti cinematografici e tanto altro). Si prosegue con Cargo, ottimo Hammond beat, in cui spiccano in alternanza il tipico suono di tastiera e la chitarra di Marco Torriani: il brano, di ispirazione dichiaratamente Sixties, risulta però moderno ed energetico, in virtù di una produzione massiccia e satura, che caratterizza poi tutto l’album (registrato da Gigi Galmozzi al Morbid Sound Studio). Sand Witch mi fa pensare a un gruppo grunge che ha preso una sbandata per la musica orientale, e vede al suo interno l’inserto improvviso di un ponticello surf tutto da godere, nonché un poderoso assolo del basso di Gregorio Conti. Protoparapseudo parte come un western in salsa psycho, e dopo qualche minuto di crescendo decolla verso lo space rock più suggestivo. Sette Di Vendetta, il mio brano preferito, è progressive puro à la Ozric Tentacles: il batterista Ruben Gardella tiene un tempo in sette (quindi il titolo è eccessivamente assertivo!), complicandolo finché può; i suoni sono distorti ed effettati, ad accumulare. Chiude Rufio, potente hard garage, nel quale gli inserti dialogati svelano una volta per tutte il film da cui i Bangarang! prendono il nome (e chi ancora non è ci arrivato…). L’impatto sonoro del pezzo porta automaticamente a immaginarne l’esplosiva resa dal vivo.
Un lavoro come EP dimostra come oggi, anche senza alle spalle grandi produzioni, si possano realizzare dischi convincenti (che tutto dipenda poi dalla qualità musicale, è fin troppo ovvio): a questo proposito, una nota di merito va anche alla scelta di presentare un oggetto visivamente curato, grazie ai disegni di Sumo e al progetto grafico di Czec.
Tra i ringraziamenti, sul retro di copertina, figura il nome di Bugo, che dopo il suo ultimo album ha scelto di portarsi in giro per lo stivale proprio i Bangarang! in qualità di turnisti. Un motivo ci sarà!

Riguardo l' autore

McA

Si registra sul Forum di Cremonapalloza in data 01/02/03 senza farlo apposta e senza sapere che quel momento costituirà davvero un nuovo «Via!» della sua vita.
Nel 2006 è tra i fondatori dell’Associazione Cremonapalloza, di cui ricopre da sempre il ruolo di Segretario.
Ama il cinema, il rock e la Cultura in generale.

Commenta

Clicca per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

D.E. S.I.C.A.

  • Tutti i premiati del D.E. S.I.C.A. 15
    Tutti i premiati del D.E. S.I.C.A. 15
    D.E. S.I.C.A. 15
    Daylong Emergent Showbiz Initiative Cremonapalloza Award 🏆 Miglior cortometraggio
    Loma Video – Il cortile sulla finestra 🏆 Miglior interpretazione
    Dario Camozzi per Random Ramen – Click Clack 🏆 Miglior montaggio
    Australopitechi – In Game 🏆 Miglior sceneggiatura
    Proxima Centauri – Galileo 🏆 Premio del pubblico
    Coumpagnaa Col Portulòto – Ducktale 🏅 Menzione per... Continua »
  • D.E. S.I.C.A. 15 al via, il tema
    D.E. S.I.C.A. 15 al via, il tema
    Il tema del D.E. S.I.C.A. 15 è: Prestazione inconsapevole... Continua »

LIBER

  • 10 secondi
    Che flash, che botta, un’allucinazione bellissima.
    Lui, Diego Armando Maradona, con la maglia della Cremo.
    Durò 10 secondi, ma furono fantastici.
    L’immagine più bella di quel 4 febbraio 1990.... Continua »
  • Il derby
    Stava partendo, il treno che ci avrebbe portato al derby stava partendo.
    La metà dei presenti non era ancora nata quando si era giocato l’ultimo, e l’altra metà era troppo piccola fin per farsi le seghe.
    Qualche vecchio che ha fatto il derby c’è, la maggior parte di... Continua »

FORUM

  • Musica • Re: Il vinile del giorno
    Musica • Re: Il vinile del giorno
    USA For Africa - We Are The World (1985)

    Oltrepassato il celeberrimo singolone, è un discreto album benefit: trascinante Bruce (Trapped, registrata dal vivo), fico Prince, niente male Tina, riconoscibilissimo Huey Lewis, oltremodo tenera la formazione all star canadese dei Northern Lights.

    ... Continua »
  • ImmaginAzione • Re: Quadri, una collezione.
    ImmaginAzione • Re: Quadri, una collezione.

    Claude Monet - Glicini (1917 - 1920)

    Monet. Tra i padri fondatori dell'Impressionismo tanto che il termine stesso deriva dal titolo di un suo quadro Impression, soleil levant, usato da un critico per stroncare il nascente movimento artistico.
    Dipinse tantissimo per tutta la lunga vita (morì nel 1926 a 86... Continua »