Musica

Il requiem del pop

verdena2 old

Verdena – Live @ Fillmore, 09/03/2007

Otto anni non sono pochi.
Ci sono gruppi che in otto anni scompaiono. Altri che fanno il botto.
Altri ancora, in otto anni, si trasformano in modo che i loro pezzi siano più radiofonici (durata 3’15” massimo 3’30”), arrangiati per Sanremo (archi, per dio, nell’inciso!), adeguati ad un target preciso (ragazzini, possibilmente).
Otto anni, quattro album, un centinaio di pezzi dopo, i Verdena, fanno di testa loro, scrivono la loro storia, cambiano forma, evolvono.
Si registrano i dischi in casa.
Si appoggiano a una major per la distribuzione.
E sfornano qualcosa di impensabile, per il mercato italiano.
E celebrano, con il loro Requiem, la fine del ritornello. Il funerale si è tenuto il 9 marzo al Fillmore di Cortemaggiore (PC).
Già mentre Moltheni scalda il pubblico (oddio, scalda scalda magari no…), sento il ronzio degli ampli dei Verdena, settati in un modo mai visto (Hi-Watt per il basso e Orange, con coni sparati dalla parte opposta al pubblico?!).
Aprono con Starless e ogni supposizione si conferma: Luca picchia come un muratore, Alberto ha i suoni di chitarra più curati e particolari del panorama musicale italiano, il Musicman di Roberta suona distorto, roba che ti apre lo stomaco.
Suonano ruvidi e precisi e sembra che ad ogni pezzo ti si possano staccare le palpebre dagli occhi. Con Ovunque il pubblico schizza via.
Logorrea è una dichiarazione di intenti, con Il Caos Strisciante, il primo pezzo del nuovo disco presentato al pubblico già abbondantemente sudato.
Una chitarra acustica può; sembrare un momento per tirare il fiato (su Trovami Un Modo Semplice Per Uscirne). Il resto è un crescendo di fuzz e overdrive e cassa del 26 e muro di suono (anche a scapito della voce, ma è un’evidente scelta artistica consapevole). Odio le etichette, ma come faccio a spiegarvi che su Isacco Nucleare non è più rock. Non c’è traccia di Valvonauta. E chi è venuto per quel pezzo, o Viba, si ritrova in un girone infernale dove la colonna sonora naturale è puro stoner, condito da noise e violenza sulle corde.
Regalano una Muori Delay perfetta, continuano con Dentro Sharon granitica, se ne vanno su Non Prendere L’Acne che è un pugno nello stomaco, per tornare con Sotto Prescrizione Del Dottor Huxley (un buon quarto d’ora di psichedelia), un’inaspettata Ultranoia (tiratissima) e Was?.
Otto anni non sono pochi.
Ma qui c’è qualcosa di più di una semplice evoluzione.
Tanto di cappello ai tre (già, niente più tastiere, a testimoniare una scelta di estremizzare il tutto), alla ricerca del suono e alla scrittura dei pezzi.
Ai detrattori si può; solo consigliare di non perdere la prossima data.
Noi ci saremo sicuramente.
Pronti ad altre bastonate in faccia.

Tracklist
Starless
Ovunque
Logorrea
Il Caos Strisciante
Mina
Isacco Nucleare
Spaceman
Muori Delay
40 Secondi
Non è
Trovami Un Modo Semplice Per Uscirne
Dentro Sharon
Luna
Don Calisto
Non Prendere L’Acne

Sotto Prescrizione Del Dottor Huxley
Ultranoia
Was?
Creepy Smell (Melvins)

gasta
foto di Guido Ruggeri

Riguardo l' autore

jami

non c'è spazio a sufficienza per scrivere tutto.

Commenta

Clicca per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

D.E. S.I.C.A.

  • D.E. S.I.C.A. 14 – I Vincitori!
    D.E. S.I.C.A. 14 – I Vincitori!
    🏆 MIGLIOR CORTOMETRAGGIO
    Ciak Si Mira – Il cerchio 🏆 MIGLIOR INTERPRETAZIONE
    Daniela Capra, Fausta Pesce, Augusta Capra per
    I Polisaccaridi – Pelo e contropelo 🏆 MIGLIOR MONTAGGIO
    Señor Jay Eras Pictures – Stand Up 🏆 MIGLIOR SCENEGGIATURA
    Coumpagnaa Col Portulòto – Uno in due 🏆 PREMIO DEL PUBBLICO
    Señor Jay Eras... Continua »
  • D.E.S.I.C.A. 14 – La Giuria vi osserva!
    D.E.S.I.C.A. 14 – La Giuria vi osserva!
    Finalmente svelata la Giuria per l’edizione 14 del D.E.S.I.C.A. : Andrea Leanza, Irene Tedeschi e Moreno Comotti giudicheranno i cortometraggi in concorso, supportati come sempre dallassociazione Cremonapalloza in fase di verifica delle consegne. L’ appuntamento è per il 31 maggio al cinema Filo con l’apertura dell’ingresso alle ore... Continua »

LIBER

  • Ore 6: caffè&metano
    In piedi alle 6. Stamattina mi sono svegliato con la schiena che gridava vendetta a tutto l’Olimpo, le spalle disarticolate e gli addominali non pervenuti. Forever young stocazzo Che poi, “svegliato”…. Diciamo che il mio involucro esterno si è messo in moto, in qualche maniera. Per evitare di addormentarmi con la faccia... Continua »
  • Una notte pulp a Den Haag
    Ieri pomeriggio avevo deciso di indossare la mia minigonna nera, fatto alquanto raro, perché oramai mi vesto sempre nel reame degli strascichi lunghi e ampi. Ma ieri, con una bruschezza che si autoconcludeva su di me e sul mio abito, avevo deciso di ritagliarmi uno spazio per qualcosa... Continua »

FORUM

  • Agorà • Re: parole monouso
    CONVOLARE

    a nozze
    (post scritto in occasione del primo anniversario di matrimonio tra Tina e Q)... Continua »
  • Cinema • Re: Guida galattica per autostoppisti
    Nel 2005 non vidi il film al cinema, proprio perché ancora non avevo letto la saga di libri, che lessi poi nel 2007.
    Vidi dunque il film nel 2008, in dvd, e da allora mai più fino a oggi: l'ho ripescato in un dignitosissimo formato DivX.
    La revisione a 12... Continua »