Musica

I bet again on the Royale’Sound

casinoroyalereale

Casino Royale – Live @ Fillmore, 16/03/2007

L’ultima volta che ho visto i Casino Royale dal vivo era il 1998, sempre al Fillmore. In realtà erano già sotto il nome Royalize, progetto parallelo che si prefiggeva i pezzi dei Casino Royale in versione spinta, drum’n’bass live, realizzata con campionatori, batterie elettroniche, basso elettrico e DJ Gruff agli scratch.
C’erano Alioscia e ancora Giuliano Palma.
è stato un concerto unico, quello, perchè; da lì a poco ci sarebbe stato lo scioglimento definitivo tra i due.
Tra tutti i gruppi italiani, nessuno ha lasciato una traccia indelebile nella storia della musica come i Casino Royale. CRX è tuttora un disco perfetto, difficilmente eguagliabile e, finora, mai raggiunto, nemmeno da mostri sacri (e forse sopravvalutati) come i Subsonica, che a piene mani hanno preso da quell’album.
Oggi è il 16 marzo 2007.
Di tempo ne è passato. Fibrillazione e adrenalina a fiumi. Guadagno il bordo palco come un teenager e da li non mi schiodo più. Guardo il monolite nero che è l’ampli del basso. Fa paura, là, rialzato. Due master keyboard, una Gibson 335 Gold Edition, batteria che puzza di vinile, due piatti per gli scratch.
Tutto.
Aprono così.
Alioscia con il suo cappellino, cassa e basso che tengono in piedi un suono grasso come non ne sentivo da anni. Il culo si muove, anche per questo pubblico un po’ attempato che non ha mai smesso di rimpiangere i loro spettacoli.
Regalano Dainamaita come secondo pezzo. Per poi inanellare una serie di canzoni da cantare fino a togliersi il fiato. Che se ci penso poi sono tutte quelle che volevamo sentire, da CRX a Sempre Più Vicino, passando per Anno Zero (sbagliata e ricominciata con un reeewind in grande stile, come un MC che si rispetti) e Plastico Mistico. Niente sembra lasciato al caso. Suonano bene, insieme, suonano affiatati.
E la mancanza di Giuliano Palma? Come sono i Casino Royale senza di lui? Questa è la domanda che si sono fatti tutti quanti, prima di arrivare al concerto.
Beh, che ci crediate o meno, non si sente la mancanza. Alioscia è un frontman come non se ne vede più. Tiene la scena alla grande. E il tastierista in canottiera (gran voce) completa alla grande il quadro.
Ora.
Il concerto dura due ore, forse di più.
L’unico appunto che potrei fare è che Sempre Più Vicino viene suonata senza quel tiro rock che la contraddistingue. Ma ci sta, ci sta tutta.
Ed è bello che, in tutto ciò, la gente si devasti saltando sull’ultimo pezzo, Royale’Sound.
Grandi.
«Son 7000 giorni che io vago qui dentro / Entro tiro i dadi, al gioco mi sono perso / La testa rasata i boots ai piedi / Il primo palco il pogo adrenalina e occhiali scuri…»

gasta

Riguardo l' autore

jami

non c'è spazio a sufficienza per scrivere tutto.

Commenta

Clicca per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

D.E. S.I.C.A.

  • D.E. S.I.C.A. 14 – I Vincitori!
    D.E. S.I.C.A. 14 – I Vincitori!
    🏆 MIGLIOR CORTOMETRAGGIO
    Ciak Si Mira – Il cerchio 🏆 MIGLIOR INTERPRETAZIONE
    Daniela Capra, Fausta Pesce, Augusta Capra per
    I Polisaccaridi – Pelo e contropelo 🏆 MIGLIOR MONTAGGIO
    Señor Jay Eras Pictures – Stand Up 🏆 MIGLIOR SCENEGGIATURA
    Coumpagnaa Col Portulòto – Uno in due 🏆 PREMIO DEL PUBBLICO
    Señor Jay Eras... Continua »
  • D.E.S.I.C.A. 14 – La Giuria vi osserva!
    D.E.S.I.C.A. 14 – La Giuria vi osserva!
    Finalmente svelata la Giuria per l’edizione 14 del D.E.S.I.C.A. : Andrea Leanza, Irene Tedeschi e Moreno Comotti giudicheranno i cortometraggi in concorso, supportati come sempre dallassociazione Cremonapalloza in fase di verifica delle consegne. L’ appuntamento è per il 31 maggio al cinema Filo con l’apertura dell’ingresso alle ore... Continua »

LIBER

  • Ore 6: caffè&metano
    In piedi alle 6. Stamattina mi sono svegliato con la schiena che gridava vendetta a tutto l’Olimpo, le spalle disarticolate e gli addominali non pervenuti. Forever young stocazzo Che poi, “svegliato”…. Diciamo che il mio involucro esterno si è messo in moto, in qualche maniera. Per evitare di addormentarmi con la faccia... Continua »
  • Una notte pulp a Den Haag
    Ieri pomeriggio avevo deciso di indossare la mia minigonna nera, fatto alquanto raro, perché oramai mi vesto sempre nel reame degli strascichi lunghi e ampi. Ma ieri, con una bruschezza che si autoconcludeva su di me e sul mio abito, avevo deciso di ritagliarmi uno spazio per qualcosa... Continua »

FORUM

  • Agorà • Re: parole monouso
    CONVOLARE

    a nozze
    (post scritto in occasione del primo anniversario di matrimonio tra Tina e Q)... Continua »
  • Cinema • Re: Guida galattica per autostoppisti
    Nel 2005 non vidi il film al cinema, proprio perché ancora non avevo letto la saga di libri, che lessi poi nel 2007.
    Vidi dunque il film nel 2008, in dvd, e da allora mai più fino a oggi: l'ho ripescato in un dignitosissimo formato DivX.
    La revisione a 12... Continua »