Take A Walk On The Quiet Side

loureed1

Lou Reed – Live @ Palabanca, Piacenza, 28/02/2006
 

«Standing on a corner / Suitcase in my hand».
Quattro accordi che valgono da soli una carriera, subito riconosciuti dalla platea che scatta in un’ovazione.
Finisce così il concerto di Lou Reed, con quest’unica concessione al suo passato e al suo pubblico: una Sweet Jane fatta per far cantare (finalmente) tutto il Palabanca di Piacenza, fatta come se fosse un atto dovuto da un Lou Reed mediamente sorridente, ma non troppo convinto di tutto questo entusiasmo per un unico pezzo che in fondo ha rappresentato solo un attimo della sua carriera.
Chi si aspettava Walk On The Wild Side si rassegni. Perfect Day? Neanche a parlarne. Chi crede ancora in Vicious, Heroin o qualche altro classico suo o dei Velvet Underground si eviti il dispiacere e stia a casa.
Lou Reed non è più il rock’n’roll animal degli anni ’70 e non gli frega neanche un cazzo di esserlo.
Chi viene si aspetti invece un’ora abbondante di rock’n’roll Lou Reed style: chitarre raffinate ma ancora taglienti, i soliti quattro sporchi accordi che ci propina da quarant’anni, e il suo talking inconfondibile e interminabile.
Questo ha offerto martedì 28 febbraio e questo offrirà nelle restanti date del suo tour italiano.
Unica concessione al rock (inteso come stile), un improbabile paio di pantaloni di pelle nera e una maglietta attillata che mostra impietosa tutti i suoi sessantaquattro anni.
Si presenta così, alle 21:00, puntualissimo; non saluta, imbraccia la sua Telecaster e inizia a suonare. Non si rivolgerà al pubblico per tutto il concerto, se non alla fine, per pronunciare un misero «Grazie». Lou Reed style. Ma va bene così.
Un concerto asciutto, senza troppi fronzoli, Lou Reed non cerca l’applauso facile e allora scava nel suo repertorio più oscuro per trovare i brani della serata, che solo i fan più integralisti riconoscono alla prima nota.
Con lui una band solida e duttile allo stesso tempo, pronta ad assecondare il frontman, che spesso e volentieri esce dai binari della forma canzone e si lancia in divagazioni strumentali che finiscono nel noise e nel jazz.
A ricordarci che Lou Reed è anche sinonimo di Velvet Underground ci pensa il bassista Fernando Saunders, che occasionalmente violenta il suo contrabbasso elettrico quasi come John Cale faceva con la viola.
Dopo poco più di un’ora è tutto finito e Lou Reed se ne va; nel Palabanca illuminato si vedono molte facce contente e altrettante incazzose, anche questo è Lou Reed, che suona quello che gli pare e se ne frega delle richieste del pubblico.
Io ho visto un gran bel concerto, lo scontento lo lascio ai figli deformi di MTV che se non hanno la loro brava hit da cantare tutti insieme non sono contenti e hanno bisogno di Silvestrin che li rassicuri.
Io ho visto un pezzo di storia del rock, ancora capace di emozionare dal palco, senza essere la caricatura di se stesso (e non è così scontato…).

La scaletta
01) Paranoia Key Of E
02) Sword Of Damocles
03) The Day John Kennedy Died
04) Gassed & Stocked
05) Tell It To Your Heart
06) Rock Minuet
07) Why Do You Talk
08) My House
09) My Red Joystick
10) Who Am I?

11) Sweet Jane

P.S.: unica stortura della serata, l’apparizione del maestro di Tai Chi di Lou Reed, che ha zampettato sul palco mentre la band musicava i suoi movimenti. Almeno per me era abbastanza fuori luogo.

Landrew

Riguardo l' autore

jami

non c'è spazio a sufficienza per scrivere tutto.

Commenta

Clicca per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

D.E. S.I.C.A.

  • D.E. S.I.C.A. 14 – I Vincitori!
    D.E. S.I.C.A. 14 – I Vincitori!
    🏆 MIGLIOR CORTOMETRAGGIO
    Ciak Si Mira – Il cerchio 🏆 MIGLIOR INTERPRETAZIONE
    Daniela Capra, Fausta Pesce, Augusta Capra per
    I Polisaccaridi – Pelo e contropelo 🏆 MIGLIOR MONTAGGIO
    Señor Jay Eras Pictures – Stand Up 🏆 MIGLIOR SCENEGGIATURA
    Coumpagnaa Col Portulòto – Uno in due 🏆 PREMIO DEL PUBBLICO
    Señor Jay Eras... Continua »
  • D.E.S.I.C.A. 14 – La Giuria vi osserva!
    D.E.S.I.C.A. 14 – La Giuria vi osserva!
    Finalmente svelata la Giuria per l’edizione 14 del D.E.S.I.C.A. : Andrea Leanza, Irene Tedeschi e Moreno Comotti giudicheranno i cortometraggi in concorso, supportati come sempre dallassociazione Cremonapalloza in fase di verifica delle consegne. L’ appuntamento è per il 31 maggio al cinema Filo con l’apertura dell’ingresso alle ore... Continua »

LIBER

  • Ore 6: caffè&metano
    In piedi alle 6. Stamattina mi sono svegliato con la schiena che gridava vendetta a tutto l’Olimpo, le spalle disarticolate e gli addominali non pervenuti. Forever young stocazzo Che poi, “svegliato”…. Diciamo che il mio involucro esterno si è messo in moto, in qualche maniera. Per evitare di addormentarmi con la faccia... Continua »
  • Una notte pulp a Den Haag
    Ieri pomeriggio avevo deciso di indossare la mia minigonna nera, fatto alquanto raro, perché oramai mi vesto sempre nel reame degli strascichi lunghi e ampi. Ma ieri, con una bruschezza che si autoconcludeva su di me e sul mio abito, avevo deciso di ritagliarmi uno spazio per qualcosa... Continua »

FORUM

  • TV, serie e altro • Re: Blob
    TV, serie e altro • Re: Blob
    La puntata di stasera di Blob mi ha fatto venire voglia di aggiornare il topic: intitolata ilbugodimorgan, ha alternato, con i consueti effetti stranianti:

    • interventi sul polverone italico del momento, cioè lo straordinario affaire punk, hip hop e nazionalpopolare sanremese tra Bugo e Morgan;
    • immagini (di estrema drammaticità... Continua »
  • Agorà • Re: Coincidenze assurde
    Qualche minuto fa, in contemporanea, Ash e Scex (cioè i Vixual) mi scrivono che l'assistente scenografa di una serie web, che verrà girata nel loro studio milanese Sarca78, è nientemeno che mia sorella.
    Io non so cosa dire, sennonché mia sorella fa centomila cose in campo artistico e questo... Continua »