Musica Recensione Musicale

The Mojomatics – Songs For Faraway Lovers

covercdmojo

The Mojomatics - Songs For Faraway Lovers

Difficile non cominciare questo pezzo con la solita frase da recensore navigato. Infatti comincio così, perché non mi viene niente di meglio. Leggere immaginando il tono saccente e pomposo.
Prendete l’urgenza del punk rock, la malinconia del blues, l’indolenza del country, il tiro e l’eleganza del primo beat.
Ecco, girateci intorno quanto vi pare, ma il risultato di ’sto frullato è il rock’n’roll immediato e suggestivo al tempo stesso di due ragazzi di casa nostra, che si fanno chiamare The Mojomatics, il cui ultimo album, Songs For Faraway Lovers, è uscito sotto la neonata etichetta cremonese I Dischi De La Valigetta.
Un disco, questo, che fila via veloce: dodici pezzi, due minuti e mezzo di durata media per ogni brano. Dicevo che il gruppo è in realtà “solo” un duo, di base chitarra e batteria: impossibile lasciar perdere il paragone con i contemporanei The White Stripes. Non so se i Mojo siano più bravi, senz’altro suonano meglio.
Dicevo anche che i due sono italiani, ma non si direbbe: la loro musica tradisce un totale innamoramento per gli scenari del profondo sud statunitense, Mississippi o giù di lì. Mentre ascolto uno dei pezzi migliori, Stealin’ Stealin’, mi vengono in mente Tom Sawyer e Huckleberry Finn che combinano dei casini. E tra un riff, una rullata e qualche inserto di armonica o di organo, la voce (che a volte emerge a fatica) ci racconta di viaggi in treno (senza dubbio qualche vecchia e rumorosa locomotiva a carbone), bevute al negozio di liquori (rigorosamente in bottiglia, con almeno tre croci sull’etichetta), fughe, ritorni, vagabondaggi, amori lontani, paesaggi che si estendono a perdita d’occhio.
Il suono vintage del disco è reso ulteriormente scarno e aggressivo nei concerti. Ho visto i Mojo dal vivo un paio di volte: micidiali.
Il cd contiene anche una traccia video. Si tratta della sparatissima No Place To Go: un gran bel videoclip in bianco e nero, stiloso e divertente come i due della band, girato tra prati, cespugli e balle di fieno.
Non faccio quasi in tempo a dirvi che la mia preferita è That Night In 1939, che la botte è già agli sgoccioli. E il liquore era di un’ottima annata.

Riguardo l' autore

McA

Si registra sul Forum di Cremonapalloza in data 01/02/03 senza farlo apposta e senza sapere che quel momento costituirà davvero un nuovo «Via!» della sua vita.
Nel 2006 è tra i fondatori dell’Associazione Cremonapalloza, di cui ricopre da sempre il ruolo di Segretario.
Ama il cinema, il rock e la Cultura in generale.

Commenta

Clicca per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

D.E. S.I.C.A.

  • I premiati del D.E. S.I.C.A. 16
    I premiati del D.E. S.I.C.A. 16
    D.E. S.I.C.A. 16
    Daylong Emergent Showbiz Initiative Cremonapalloza Award Miglior cortometraggio
    Loma Video – Lapis canit Miglior interpretazione
    Francesco Samperi per Sto Arrivando A Milano Centrale E Non Ho Molto Tempo Per Pensarci – Come te Miglior montaggio
    DCF | Warinhari – La pietra Miglior sceneggiatura
    Coumpagnaa Col... Continua »
  • D.E. S.I.C.A. 16 al via, ecco il tema
    D.E. S.I.C.A. 16 al via, ecco il tema
    Il tema del D.E. S.I.C.A. 16 è: La pietra dello scandalo... Continua »

LIBER

  • 10 secondi
    Che flash, che botta, un’allucinazione bellissima.
    Lui, Diego Armando Maradona, con la maglia della Cremo.
    Durò 10 secondi, ma furono fantastici.
    L’immagine più bella di quel 4 febbraio 1990.... Continua »
  • Il derby
    Stava partendo, il treno che ci avrebbe portato al derby stava partendo.
    La metà dei presenti non era ancora nata quando si era giocato l’ultimo, e l’altra metà era troppo piccola fin per farsi le seghe.
    Qualche vecchio che ha fatto il derby c’è, la maggior parte di... Continua »

FORUM

  • ImmaginAzione • Re: Quadri, una collezione.
    ImmaginAzione • Re: Quadri, una collezione.

    Nessuno riesce a fondere modernità e classicismo, realismo e sogno, armonie e disarmonie, dettagli e atmosfera come Degas.
    La prima impressione, osservando uno dei suoi quadri, è spesso quella di una sorta di fotografia casuale, scattata in un momento qualunque.
    Eppure più si osserva, più emergono dubbi, simboli, perturbazioni di... Continua »
  • La città di Cremona • Re: Toponimi ufficiali e toponimi reali
    È impossibile farsi capire menzionando Piazza Giovanni XXIII: occorre dire Santa Maria della Pietà o riferirsi a Cerri o a dove c'era il Centro Fumetto.... Continua »