Musica Recensione Musicale

Sydrojé – Né Vivere Né Morire

sydroje nvnm

Sydrojé - Né Vivere Né Morire

I Sydrojé esordiscono con un oceanico disco di ventiquattro canzoni, per un’ora e venti minuti di musica. Un album che testimonia (quasi) tutta la produzione dei tre dopo l’esperienza con i Rumori Di Fondo. Stefano Scrima, che canta e suona la chitarra, è autore di tutti i testi; Andrea Carasi (basso) e Stefano Muchetti (batteria) ci mettono il tiro. La musica dei Sydrojé è un punto di incontro tra il grunge e la tradizione cantautorale: riff violenti di chitarra, frammenti di voce sporca e urlante, basso distorto e batteria potente si alternano a momenti di quiete, intrusioni pianistiche (di Daniele Scotti), melodie semplici ma efficaci, arpeggi delicati. Le liriche sono quanto di più pessimista e disperato il rock giovanile cremonese abbia mai prodotto. Non è un pregio, non è un difetto: è un dato di fatto. Contenuti (fin troppo) autobiografici, postneorealismo musicale estremo, impossibilità di buttare giù una sola riga che non si riferisca al proprio vissuto. Questo è Stefano Scrima, 19 anni, cantautore. Il resto si perde in un mare di chiacchiere.
I pezzi dei Sydrojé giocano quasi tutti sulla dicotomia lento/incazzato (ma d’altronde gira così circa da cinquant’anni nel rock’n’roll). La tecnica è messa da parte, non è inseguita. Un giro di accordi solido si fa preferire a un assolo, un quattro quarti compatto ha generalmente la meglio su qualsiasi ricamo ritmico, il basso suona dritto per dritto e si concede giusto un paio di arricchimenti armonici e mezzo assolo in tutto il disco. A volte le canzoni vanno troppo per le lunghe; peccato veniale e niente più, però penso che una maggiore sintesi contribuirebbe ulteriormente all’intensità del brano.
Cito Rabbia-Spray, Quale Onore, Succhi Gastrici (con riff iniziale stile Pearl Jam) e Quelli Che Soffrono tra i pezzi power più riusciti. Trovo che la ballad più coinvolgente e ben scritta sia La Membrana Plastica, brano acustico. Una Voragine Nel Petto è struggente, anche in virtù delle quattro semplici note di pianoforte che la accompagnano. Tra questi due estremi si colloca Quinto Piano Vista Sul Danubio, uno dei pezzi più sereni (se così si può dire) dell’album, che parla dell’innamoramento per la città di Budapest. Si differenziano Non È Mica Semplice (una sorta di grunge jazzato) e il discopunk di Marocco Dream Nation, che, come spesso capita ai pezzi nati in cinque minuti, quasi per scherzo, in sala prove, è diventato all’istante un cavallo di battaglia delle esibizioni live. In effetti, andare a vedere un concerto rimane il modo migliore per apprezzare i Sydrojé, che sono essenzialmente una live band, frenetica, distruttiva e – why not? – bella da vedere. C’è un brano strumentale (Campeggio Barcellona), ci sono citazioni più o meno velate. La più palese viene da De André ed è la frase che dà il titolo a Un Cinghiale Laureato In Matematica Pura, brano che parla appunto dell’uomo medio, che fa tutta la sua trafila esistenziale da placido conformista e passa la vita a Cremona in un tranquillo grigiore. E poi c’è quel «Rock moderato», sussurrato all’inizio di Pesa Il Cielo, che omaggia Cobain (e infatti l’influenza dei Nirvana nel pezzo è evidente).
In sostanza un bel disco, sincero fino in fondo, che purtroppo risente della registrazione in presa diretta (obbligata, per mancanza di altri mezzi). Sarebbe bello sentire una reincisione completa, prodotta per bene.

Riguardo l' autore

McA

Si registra sul Forum di Cremonapalloza in data 01/02/03 senza farlo apposta e senza sapere che quel momento costituirà davvero un nuovo «Via!» della sua vita.
Nel 2006 è tra i fondatori dell’Associazione Cremonapalloza, di cui ricopre da sempre il ruolo di Segretario.
Ama il cinema, il rock e la Cultura in generale.

Commenta

Clicca per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

D.E. S.I.C.A.

  • I premiati del D.E. S.I.C.A. 16
    I premiati del D.E. S.I.C.A. 16
    D.E. S.I.C.A. 16
    Daylong Emergent Showbiz Initiative Cremonapalloza Award Miglior cortometraggio
    Loma Video – Lapis canit Miglior interpretazione
    Francesco Samperi per Sto Arrivando A Milano Centrale E Non Ho Molto Tempo Per Pensarci – Come te Miglior montaggio
    DCF | Warinhari – La pietra Miglior sceneggiatura
    Coumpagnaa Col... Continua »
  • D.E. S.I.C.A. 16 al via, ecco il tema
    D.E. S.I.C.A. 16 al via, ecco il tema
    Il tema del D.E. S.I.C.A. 16 è: La pietra dello scandalo... Continua »

LIBER

  • 10 secondi
    Che flash, che botta, un’allucinazione bellissima.
    Lui, Diego Armando Maradona, con la maglia della Cremo.
    Durò 10 secondi, ma furono fantastici.
    L’immagine più bella di quel 4 febbraio 1990.... Continua »
  • Il derby
    Stava partendo, il treno che ci avrebbe portato al derby stava partendo.
    La metà dei presenti non era ancora nata quando si era giocato l’ultimo, e l’altra metà era troppo piccola fin per farsi le seghe.
    Qualche vecchio che ha fatto il derby c’è, la maggior parte di... Continua »

FORUM

  • ImmaginAzione • Re: Quadri, una collezione.
    ImmaginAzione • Re: Quadri, una collezione.

    Nessuno riesce a fondere modernità e classicismo, realismo e sogno, armonie e disarmonie, dettagli e atmosfera come Degas.
    La prima impressione, osservando uno dei suoi quadri, è spesso quella di una sorta di fotografia casuale, scattata in un momento qualunque.
    Eppure più si osserva, più emergono dubbi, simboli, perturbazioni di... Continua »
  • La città di Cremona • Re: Toponimi ufficiali e toponimi reali
    È impossibile farsi capire menzionando Piazza Giovanni XXIII: occorre dire Santa Maria della Pietà o riferirsi a Cerri o a dove c'era il Centro Fumetto.... Continua »