Musica Recensione Musicale

Rumori Di Fondo – L’Estremo Walzer

Rumori Di Fondo - L’Estremo Walzer

La discografia dei Rumori Di Fondo comincia a farsi consistente: dopo l’esordio omonimo di ormai quasi un anno fa e il live uscito a settembre scorso, eccoli sfornare un nuovo ep che, già a partire dall’ordine e dalla durata delle tracce, mostra che i quattro non lasciano nulla al caso: un’introduzione e una conclusione strumentali di nemmeno due minuti, che incorniciano tre pezzi (due già presenti nel disco dal vivo, uno totalmente inedito) di circa sei minuti l’uno.
Intro e, simmetricamente, Outro, sono la naturale evoluzione della linea sonora distorta e discordante a cui il gruppo sta ancora aggiungendo nuovi tasselli: se però nei precedenti dischi la ricerca del frastuono più atroce (come avrebbe detto Lester Bangs) era confinata all’interno dei brani, ora assume invece una propria autonomia, tanto da meritarsi opening e closing track. La registrazione di queste due tracce, peraltro, non è stata missata in studio come le tre canzoni centrali vere e proprie, bensì è un home recording, che ancora una volta si dimostra il mezzo più efficace di trasmissione di rumore. In apertura Stefano e Marco ci danno dentro con le chitarre, le cui distorsioni e picchi mettono a dura prova le casse del mio stereo. In chiusura invece il suono si fa più soffuso e avvolgente, ed emerge maggiormente la melodia. Il giusto modo per entrare e uscire dall’atmosfera del disco in modo non troppo traumatico.
Come Ingoiare Vetro è il manuale di torture dei Rumori Di Fondo. Pesantissima e ossessiva sulle stesse due note, come i frammenti di vetro che il protagonista è costretto a mandare giù uno dopo l’altro, è ulteriormente appesantita dalla voce-delirio di Stefano che canta come se non ci fosse un domani. Assolo lungo (e bello), come da tradizione consolidata, e chiusura di nuovo urlatissima.
L’Estremo Walzer parte decisamente più calma, è sì grunge negli accordi, ma filtrata dall’ormai riconoscibile aura rumoriana, talmente densa che si potrebbe tagliare con un coltello: su una base chitarristica from Seattle si innestano delle deviazioni soniche che, nell’assolo, subiscono anche l’influenza hard britannica. E quel «Qualche volta mi disprezzo» ripetuto nel finale ricorda subito «I hate myself and I want to die» di cobainiana memoria.
Dentro Al Morbo Del Caos attacca, posso dirlo, post rock. Arpeggio armonico a supporto di una voce bassa, quasi sussurrata (rarissimo!). A questa trama sonora si alterna un’altra canzone, del tutto diversa, muro sonoro molto intenso, con assoli metallici e stridenti. Sul finire rallenta e l’arpeggio è tagliato. Ma si sarebbe potuto protrarre la canzone ad libitum.
In questo ep c’è un filo conduttore, un topos, al di là dei già ampiamente visitati temi del dolore, della disperazione, dell’angoscia. E questo tema trasversale è quello della contrapposizione dentro/fuori. A cominciare da una vera e propria contrapposizione fisica: la fotografia di copertina mostra un angusto spazio chiuso e buio su cui si apre una finestra di luce bianchissima, abbagliante. Nei testi delle canzoni, questa opposizione assume connotati gradualmente più rarefatti: «I pezzettini di vetro / Spappolano le mie membra» (una lastra in musica, praticamente. Immaginare la scena non è difficile) e ci troviamo ancora in una dimensione materiale; poi, «Lo sconforto dei ricordi ci svuota l’anima» […] «Ma son certo che corrode, lentamente dentro me» (e anche «Il sapore del mare» […] «Brucia la lingua»), e stiamo passando a un piano a metà strada; infine, «La nostra malattia / Si avvale di buone scuse / Per deriderci, è virale», dove è il morbo del caos che, come fosse un microbo, si insinua nel corpo attraverso l’aria che respiriamo.
Cosa aggiungere? La registrazione è finalmente soddisfacente, la grafica è come sempre ben curata (etichetta adesiva sul cd pregiatissima!), la presenza dei testi è ovviamente gradita. Altri brani, per ora inediti, sono in attesa di pubblicazione. Intanto, godiamoci questi.

Riguardo l' autore

McA

Si registra sul Forum di Cremonapalloza in data 01/02/03 senza farlo apposta e senza sapere che quel momento costituirà davvero un nuovo «Via!» della sua vita.
Nel 2006 è tra i fondatori dell’Associazione Cremonapalloza, di cui ricopre da sempre il ruolo di Segretario.
Ama il cinema, il rock e la Cultura in generale.

Commenta

Clicca per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

D.E. S.I.C.A.

  • Tutti i premiati del D.E. S.I.C.A. 17
    Tutti i premiati del D.E. S.I.C.A. 17
    D.E. S.I.C.A. 17
    Daylong Emergent Showbiz Initiative Cremonapalloza Award  Miglior cortometraggio
    Loma Video - L’eclittica del Sagittario  Miglior interpretazione
    Francesco Samperi per Señor Spielbergo Squad - Riallineamento  Miglior montaggio
    Bergamin Production - Il segno del topo  Miglior sceneggiatura
    ImproVabili - 17 dicembre, sotto il segno dell’Ofiuco  Premio del pubblico
    Bergamin Production - Il... Continua »
  • D.E. S.I.C.A. 17 al gran finale, stasera al Filo proiezioni e premiazioni
    D.E. S.I.C.A. 17 al gran finale, stasera al Filo proiezioni e premiazioni
    Errata Porridge, I Fratelli Grimbol, Loma Video, Señor Spielbergo Squad, Coumpagnaa Col Portulòto, ImproVabili, Sifa Production, Alice Libera, Bergamin Production, Gente Di Mare, Galileo, Non Guardarmi: sono questi i nomi delle 12 squadre in concorso per aggiudicarsi l’edizione numero 17 del D.E. S.I.C.A., concorso di cortometraggi a tema... Continua »

LIBER

  • Un ragazzo dagli occhi bianchi
    Devo proprio raccontare questa cosa.
    Facevano il banchetto, i Morandi. Ogni terza domenica del mese, al mattino, dopo la messa. Mettevano giù una tovaglia per terra, sopra una specie di montagnola fatta di asfalto e di sassi catramati rimasti lì dai lavori dei garage. L’aveva sollevata d’estate la... Continua »
  • Entusiasmo
    Era un classico sabato sera invernale di provincia con un cazzo da fare, ma migliaia di giovani si stavano preparando per viverlo.
    Una settimana sui banchi di scuola o al lavoro doveva essere lasciata alle spalle con una serata da leoni, giocandosi alla roulette russa delle strade provinciali... Continua »

FORUM

  • TV, serie e altro • Re: Boris
    Su RaiPlay, Sei pezzi facili di Mattia Torre.

    https://www.raiplay.it/programmi/seipezzifacili

    Sei pièce teatrali messe in scena per la tv, sotto la direzione artistica e la regia di Paolo Sorrentino. Un progetto dedicato al genio di Mattia Torre, interpretato da attori-amici, compagni di tante avventure di cinema, teatro e fiction.
    Regia: Paolo Sorrentino
    Interpreti:... Continua »
  • Musica • Re: La canzone che ti tira su
    Party Hard, singolone trainante dall'esordio di Andrew W.K. (datato 2001), mi tira invariabilmente su per vari motivi: dall'entusiasmo senza cognizione del nostro uomo (che è anche attore, wrestler, motivatore e ha suonato la batteria per 24 ore di fila) alla somiglianza che diverse persone ravvisano tra lui e... Continua »