Musica Recensione Musicale

One Trick Pony – One Trick Pony

normal 4 F OTP4

One Trick Pony - One Trick Pony

Era da più di tre mesi che volevo scrivere questa recensione, da quando, a giugno, gli One Trick Pony hanno presentato il loro disco, consegnandomene una copia, una di quelle che in copertina ha il tavolo da biliardo (le copertine possibili sono dieci). La mia pigrizia, altri impegni e – diciamocelo! – il caldo avevano sempre posticipato questo momento. Il disco l’ho quasi consumato, ascoltandolo spesso e sempre in modalità loop, ma ci voleva l’atmosfera autunnale, anzi invernale, di questi giorni per mettermi nel mood adatto a scriverne.
Perché non c’è niente da fare: quando si mette questo disco sul piatto e si schiaccia play si entra in un’atmosfera particolare, non necessariamente invernale, anzi! La prima traccia, dal tautologico nome Intro, ci spedisce, in poco più di un minuto, ovunque noi siamo, nel bel mezzo di una bella nottata estiva: quando finalmente fa fresco, dopo una giornata torrida, e dopo che la serata ha sparato le sue cartucce mondane non si torna ancora a casa, ma si resta fuori con i pochi che resistono, a ridere di stupidaggini, senza troppi pensieri, un’altra birra, un’altra mezz’ora…
Intro tautologica dicevo, quindi perfetta per anticipare Up To You, gioiellino pop che sorprende anche all’ennesimo ascolto per l’equilibrio con cui si fondono chitarre, arpeggi, tastiere e la voce della Libo, cristallina e potente come il torrente di Into The Wild.
La successiva Me, You & The Rain mi ha fatto pensare, fin dal primo ascolto, a Edie Brickell, e continua a farlo anche ora che l’ho ascoltata tante volte, ma questa non è certo una critica, del resto potrei scrivere di questo album citando tutti gli artisti internazionali che l’ascolto del disco mi richiama: Elliott Smith, Badly Drawn Boy, i Sigur Rós più accessibili, gli U2 meno duri, The Decemberists e via elencando, ma non mi sembra corretto. Elenco per elenco, allora preferirei citare i gruppi di quella scena cremonese soffice di cui gli One Trick Pony sono eredi: Lunaire, Beaucoup Fish, Minimal Tuesday, Suez, Rös Gös, Jenny’s Joke. Il fatto che tra i quattro One Trick Pony ci siano componenti di alcuni dei gruppi testé citati è ovviamente ininfluente! Talmente ironicamente ininfluente che non posso non elencarli: Flex – ops! – Fabio Guarneri al basso, Claudia Carrara alle tastiere e piano, Simone Siano alle chitarre acustiche e la Libo – daje! – Francesca Paola Liborio alla voce. La voce vive un altro momento clou in Sunflowers, brano costruito su una sorta di climax notturno che sfocia bene nella successiva Blink, in cui si parla del dolore e della nostalgia per una persona lontana («’Cause you’re gone / You’re gone too soon»).
Le ultime tracce del disco sono All Over Me, cantata da Flex, a tratti anche in falsetto, la eelsiana Memories e The Sign, che, coerentemente con la prima, avrebbe potuto chiamarsi Outro, uscita strumentale in cui il rumore del mare fa venir voglia di tornare su quella spiaggia, prima dell’alba, un’altra birra, un’altra mezz’ora…

Riguardo l' autore

Q

Commenta

Clicca per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

D.E. S.I.C.A.

  • Tutti i premiati del D.E. S.I.C.A. 17
    Tutti i premiati del D.E. S.I.C.A. 17
    D.E. S.I.C.A. 17
    Daylong Emergent Showbiz Initiative Cremonapalloza Award  Miglior cortometraggio
    Loma Video - L’eclittica del Sagittario  Miglior interpretazione
    Francesco Samperi per Señor Spielbergo Squad - Riallineamento  Miglior montaggio
    Bergamin Production - Il segno del topo  Miglior sceneggiatura
    ImproVabili - 17 dicembre, sotto il segno dell’Ofiuco  Premio del pubblico
    Bergamin Production - Il... Continua »
  • D.E. S.I.C.A. 17 al gran finale, stasera al Filo proiezioni e premiazioni
    D.E. S.I.C.A. 17 al gran finale, stasera al Filo proiezioni e premiazioni
    Errata Porridge, I Fratelli Grimbol, Loma Video, Señor Spielbergo Squad, Coumpagnaa Col Portulòto, ImproVabili, Sifa Production, Alice Libera, Bergamin Production, Gente Di Mare, Galileo, Non Guardarmi: sono questi i nomi delle 12 squadre in concorso per aggiudicarsi l’edizione numero 17 del D.E. S.I.C.A., concorso di cortometraggi a tema... Continua »

LIBER

  • Un ragazzo dagli occhi bianchi
    Devo proprio raccontare questa cosa.
    Facevano il banchetto, i Morandi. Ogni terza domenica del mese, al mattino, dopo la messa. Mettevano giù una tovaglia per terra, sopra una specie di montagnola fatta di asfalto e di sassi catramati rimasti lì dai lavori dei garage. L’aveva sollevata d’estate la... Continua »
  • Entusiasmo
    Era un classico sabato sera invernale di provincia con un cazzo da fare, ma migliaia di giovani si stavano preparando per viverlo.
    Una settimana sui banchi di scuola o al lavoro doveva essere lasciata alle spalle con una serata da leoni, giocandosi alla roulette russa delle strade provinciali... Continua »

FORUM

  • TV, serie e altro • Re: Boris
    Su RaiPlay, Sei pezzi facili di Mattia Torre.

    https://www.raiplay.it/programmi/seipezzifacili

    Sei pièce teatrali messe in scena per la tv, sotto la direzione artistica e la regia di Paolo Sorrentino. Un progetto dedicato al genio di Mattia Torre, interpretato da attori-amici, compagni di tante avventure di cinema, teatro e fiction.
    Regia: Paolo Sorrentino
    Interpreti:... Continua »
  • Musica • Re: La canzone che ti tira su
    Party Hard, singolone trainante dall'esordio di Andrew W.K. (datato 2001), mi tira invariabilmente su per vari motivi: dall'entusiasmo senza cognizione del nostro uomo (che è anche attore, wrestler, motivatore e ha suonato la batteria per 24 ore di fila) alla somiglianza che diverse persone ravvisano tra lui e... Continua »