Musica Recensione Musicale

ChantSong Orchestra – Indie Mood

chantsongorchestra indiemood

ChantSong Orchestra - Indie Mood

Jazz e indie rock, così lontani eppure così vicini, almeno nella mente di Igor Sciavolino, che ha messo insieme questa ChantSong Orchestra (nata nel 2006 come costola del progetto Jazz in Cantiere) e l’ha accompagnata attraverso un paio di esibizioni dal vivo, sino alla realizzazione di questo disco.
Indie Mood, che sulla carta poteva risultare un’operazione di maniera, tanti nomi famosi per un disco anonimo, è diventata invece un’operazione con i controcazzi, che mette insieme il meglio di quello che la musica indipendente italiana ha prodotto negli ultimi dieci anni. Quello che ne esce non è una rilettura calligrafica del repertorio, bensì un completo stravolgimento dei brani a cui mettono mano i musicisti; a giovare di questo trattamento destrutturante sono soprattutto le canzoni, prima smontate sino alla loro essenza e poi rimontate in una veste nuova, mischiando parti e scambiando ruoli.
A rendere il disco speciale c’è anche la partecipazione diretta di chi questi classici li ha scritti e ha scelto di assecondare la vena jazz data dall’orchestra ai propri pezzi, oppure di reinterpretare liberamente pezzi altrui, scambiandosi il repertorio e offrendo un’ulteriore nuova luce alle canzoni.
Le vere sorprese giungono proprio da questi episodi: ecco allora Cristina Donà fare sua Disco Labirinto dei Subsonica e giocare con le corde vocali sino a rendere il pezzo un dialogo a più voci (qualcuno ha colto la citazione contenuta all’interno di questa versione?). Emidio Clementi spoglia Voglio Una Pelle Splendida degli Afterhours della sua linfa salvifica e la riveste di malinconia e rimpianto. Festa Mesta dei Marlene Kuntz viene stravolta dalla tromba irrispettosa di Roy Paci. Ma la sorpresa più bella è Aldo Nove, qui nell’inconsueta veste di voce narrante, che regala un suo testo inedito allo strumentale di Federico Squassabia. Forse il momento più alto del disco.
Anche quando si è trattato di riprendere un proprio brano, il risultato è stato all’altezza delle aspettative: Cristiano Godano fa scivolare la sua voce sull’arrangiamento intimista di Lieve, Emidio Clementi (l’unico, insieme a Mauro Ermanno Giovanardi dei La Crus, presente in due brani) abbandona l’urgenza comunicativa con cui aveva cantato la prima volta Il Primo Dio, ma ne mantiene intatta la forza e la passione con cui canta di quello scrittore sfortunato e misconosciuto che fu Emanuel Carnevali.
Alla fine quello che rimane non è una sorta di best of dell’indie italiano, ma un disco che vive di vita propria e che cresce a ogni ascolto. E di questi tempi non è poco.

D.E. S.I.C.A.

  • I premiati del D.E. S.I.C.A. 16
    I premiati del D.E. S.I.C.A. 16
    D.E. S.I.C.A. 16
    Daylong Emergent Showbiz Initiative Cremonapalloza Award Miglior cortometraggio
    Loma Video – Lapis canit Miglior interpretazione
    Francesco Samperi per Sto Arrivando A Milano Centrale E Non Ho Molto Tempo Per Pensarci – Come te Miglior montaggio
    DCF | Warinhari – La pietra Miglior sceneggiatura
    Coumpagnaa Col... Continua »
  • D.E. S.I.C.A. 16 al via, ecco il tema
    D.E. S.I.C.A. 16 al via, ecco il tema
    Il tema del D.E. S.I.C.A. 16 è: La pietra dello scandalo... Continua »

LIBER

  • 10 secondi
    Che flash, che botta, un’allucinazione bellissima.
    Lui, Diego Armando Maradona, con la maglia della Cremo.
    Durò 10 secondi, ma furono fantastici.
    L’immagine più bella di quel 4 febbraio 1990.... Continua »
  • Il derby
    Stava partendo, il treno che ci avrebbe portato al derby stava partendo.
    La metà dei presenti non era ancora nata quando si era giocato l’ultimo, e l’altra metà era troppo piccola fin per farsi le seghe.
    Qualche vecchio che ha fatto il derby c’è, la maggior parte di... Continua »

FORUM

  • ImmaginAzione • Re: Quadri, una collezione.
    ImmaginAzione • Re: Quadri, una collezione.

    Nessuno riesce a fondere modernità e classicismo, realismo e sogno, armonie e disarmonie, dettagli e atmosfera come Degas.
    La prima impressione, osservando uno dei suoi quadri, è spesso quella di una sorta di fotografia casuale, scattata in un momento qualunque.
    Eppure più si osserva, più emergono dubbi, simboli, perturbazioni di... Continua »
  • La città di Cremona • Re: Toponimi ufficiali e toponimi reali
    È impossibile farsi capire menzionando Piazza Giovanni XXIII: occorre dire Santa Maria della Pietà o riferirsi a Cerri o a dove c'era il Centro Fumetto.... Continua »