Musica Recensione Musicale

Caströl – Humiliated And Lubricated

Caströl - Humiliated And Lubricated

Passavo a piedi davanti a una storica concessionaria automobilistica cremonese, poco tempo fa. Sbirciando dentro la vetrina, la mia attenzione è stata catturata non dalle vetture in esposizione, bensì dal fubalino che faceva bella mostra di sé in una delle sale: un fubalino particolare, perché personalizzato in modo appariscente con i colori e il logo Castrol, che anche un ignorante come lo stallatico come me – per quanto riguarda l’argomento due e quattro ruote – sa essere un noto marchio di olio motore. Peraltro, a parlare di fubalino alla band presa in esame si rischia di ottenere in cambio sguardi fissi nel vuoto, perché i quattro provengono uno dall’area cremasca/soncinese, un altro da quella soresinese, altri due dalle vicine province bresciana e bergamasca: insomma, posti in cui il miglior gioco da bar dell’universo conosciuto prende prevalentemente il nome di pincanello o, al limite, biliardino o calcetto.
Insomma, gli ingredienti ci sono: l’amore per i motori, un’attrazione malsana per il rock’n’roll più sporco, frenetico e tirato, la violenza della provincia… Manca la ciliegina, cioè una bella dieresi à la Motörhead sul nome, ed ecco i Caströl, che, ove mai vi fossero dubbi, si definiscono hi-octane rock’n’roll. Che cosa si dilettino a suonare i nostri amici, è presto detto: una miscela (e dai…) al tritolo di action rock scandinavo, hardcore punk statunitense, speed metal inglese e in generale tutto ciò che suona forte, veloce e senza un attimo di respiro. La durata di Humiliated And Lubricated (14 minuti) in rapporto al numero di tracce (7) è, in tal senso, eloquente. Tecnicamente si tratta di un ep, ma la qualità audio della prima fatica del quartetto soncinese (per amor di brevità), registrata e autoprodotta al Flat Track Recording Studio, soddisfa le mie orecchie underground come potrebbe fare il full length di un gruppo più rodato, quindi bene così. Soddisfatti restano anche gli occhi: la copertina dell’ep e lo splendido logo tigresco dei Caströl sono opera di Paola Bathory, autrice di un lavoro superbo, impreziosito dal layout grafico del cantante, chitarrista e coautore dei brani Batta. Anche per questo non smetterò di sperare in una goduriosa (ma dispendiosa, ahimè) uscita su vinile, prima o poi, che si affianchi all’attuale unico modo per ascoltare l’ep, cioè lo streaming online. Lo merita la musica, lo merita la confezione.
Le canzoni affrontano temi profondi della contemporaneità: Kissing After Kebab è un omaggio sentimentale allo street food che ha cambiato le nostre vite negli ultimi due decenni; Burnout! Burnout! Burnout! mi fa venire in mente quando vincemmo i Mondiali 2006 e, nell’ambito dei festeggiamenti, alcuni amici vespisti accesero i loro fichissimi scooter di fronte al Battistero cremonese, tenendoli inchiodati – faccia alle pareti – e dando gas come dei matti; Hollywood Bollea paga tributo alla leggenda del wrestling Hulk Hogan, idolo infantile di noialtri nati negli anni Ottanta; Alex Magnus regala un epiteto altisonante a un tremendo attore di film hard amatoriali italiani; Bruce Willis Is Sexy conclude la virile trilogia interna all’ep con un’elegia dell’attore che ha girato più film in canottiera in assoluto; Hang You High tira in ballo il suicidio, ma decido in coscienza di non addentrarmi nel testo; The Speed Of A God tradisce, come scrivevo, la passione per le auto e le moto da gara, i dragster e le piste divorate da veicoli che, letteralmente, bruciano di velocità. Di ciascun pezzo la band si è ingegnata per realizzare un videoclip a zero budget (si trova tutto su YouTube), con risultati altalenanti ma talvolta azzeccati. E azzeccata sembra risultare la formula Caströl, non solo a chi scrive, se – come accaduto di recente – il combo ha già fatto alzare le antenne all’etichetta garage punk argentina Devil’s Beat Records, che ha voluto includere i Caströl, assieme a una dozzina abbondante di band da tutto il mondo, nella compilation intitolata Action Rock United, appena uscita nel formato più deficiente possibile, cioè su cassetta: mi sono subito affrettato a ordinarne una copia, arrivata sana e salva (via nave, credo) da Buenos Aires dopo un’attesa di alcuni mesi. I Caströl appaiono nella raccolta con The Speed Of A God, che in effetti mi sembra uno degli episodi più riusciti dell’ep, anche in virtù del fatto che, per paradosso rispetto al proprio titolo, è il brano meno sparato del lotto di Humiliated And Lubricated e ciò gli fa guadagnare qualche punto in termini di melodia e facilità nell’essere memorizzato e canticchiato dopo l’ascolto.
Nelle chitarre – ora grosse e brutali, ora affilate e raddoppiate – di Batta e Zuni sento echi degli assurdi e devastanti Zeke così come dei miei (nostri) adorati The Hellacopters della prima fase (o, per fare un nome svedese di più giovane formazione, degli Scumbag Millionaire, anch’essi presenti nella già citata compilation); il basso distorto e spesso protagonista di Bera (che si alterna con Batta alla voce principale) richiama per forza quello di Lemmy, ma anche le sonorità di certo hardcore melodico californiano anni Novanta; Alex picchia sulla batteria con energia e sa aggiungere un filo di giusto gusto, che tiene l’ep un passo indietro rispetto al rischio di bordello puro o di marciume punk senza senso né filo logico, confermando i Caströl come ottima rock’n’roll band. Band che dovresti andare a vedere dal vivo, proprio tu che leggi, anche perché, fintantoché nuove canzoni non appariranno all’orizzonte, il concerto dei Caströl finirà prima che tu riesca a dire: «Crostata di mirtilli».
Forse non così presto, ma abbastanza presto, d’accordo?

Riguardo l' autore

McA

Si registra sul Forum di Cremonapalloza in data 01/02/03 senza farlo apposta e senza sapere che quel momento costituirà davvero un nuovo «Via!» della sua vita.
Nel 2006 è tra i fondatori dell’Associazione Cremonapalloza, di cui ricopre da sempre il ruolo di Segretario.
Ama il cinema, il rock e la Cultura in generale.

Commenta

Clicca per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

D.E. S.I.C.A.

  • Tutti i premiati del D.E. S.I.C.A. 18
    Tutti i premiati del D.E. S.I.C.A. 18
    D.E. S.I.C.A. 18
    Daylong Emergent Showbiz Initiative Cremonapalloza Award  Miglior cortometraggio
    Shinkanaku Corporation - Akai Ame - Red Rain  Miglior interpretazione
    Pietro Andrea Di Liberto per Edu - Qualcosa è andato storto.  Miglior montaggio
    Edu - Qualcosa è andato storto.  Miglior sceneggiatura
    Coumpagnaa Col Portulòto - Errore fartale  Premio del pubblico
    Mandillu - Io,... Continua »
  • D.E. S.I.C.A. 18, venerdì serata finale a ingresso libero al Cinema Filo
    D.E. S.I.C.A. 18, venerdì serata finale a ingresso libero al Cinema Filo
    Come ogni anno, anche il D.E. S.I.C.A. 18 giunge alla serata finale: i cortometraggi – grazie ai quali tocchiamo la sorprendente quota di 340 lavori complessivamente realizzati in 18 edizioni – saranno proiettati e premiati questo venerdì sera, 26 maggio, alle 21:00, al Cinema Filo di Piazza dei... Continua »

LIBER

  • Ho già programmato i nove finali possibili della Champions in base al character alignment di D&D
    LAWFUL GOOD
    Dopo aver battuto il Napoli ai quarti grazie a un rigore assegnato dalla VAR all’89′ (nell’arco degli 8′ di recupero espulsi Osimhen, Kvaratskhelia e Spalletti) e l’Inter ai supplementari con un missile da fuori area di Pobega, il Milan alza la coppa in faccia ad Ancelotti.... Continua »
  • Del sorriso di Gianluca Vialli
    E così, nell’avventura favolosa della tua vita, non sei stato neppure Tu, fino alla fine, quello sempre e solo fortunato.
    Colpito dal male più oscuro nell’imprevedibile imperfezione della natura di ogni corpo umano, torturato per anni in una devastante consumazione di quel fisico scolpito elegante potente, da ultimo... Continua »

FORUM

  • Petrus BK Club • Re: Petrus BK Club
    Segnalo l'esistenza nel nostro Universo di un nuovo cocktail, ad invenzione Peligro, denominato Putridum.
    Il Putridum si ottiene dalla sapiente miscela, in proporzione 1:1, di Petrus e Unicum.
    Se il Petrus vi fa cagare e l'Unicum vi fa sboccare, gioite, il Putridum vi stupirà riuscendo a far di peggio.
    Solo al... Continua »
  • Musica • Re: Il vinile del giorno
    Musica • Re: Il vinile del giorno
    The Blues Against Youth - As The Tide Gets High And Low (2022)

    Per cento pionieri del blues giuntici, ricordava ieri Gianni in concerto allo Spoon, ce ne saranno diecimila che giacciono nel totale oblio: a costoro è dedicato il magnifico album su vinile marrone arrugginito.

    ... Continua »