Musica Recensione Musicale

Andrea “Kappo” Capelli – Anime Sonore

kappo anime sonore

Andrea Capelli - Anime Sonore

Il disco di Kappo racconta tante storie. Le storie raccontate non sono però nei testi delle canzoni, anche perché nel disco non ci sono testi e non ci sono nemmeno canzoni. Le storie sono raccontate dall’esistenza stessa del CD.

C’è la storia del disco armonico, chiamato anche hang o handpan, lo strumento suonato da Kappo nei 15 brani strumentali incisi su questo disco: strumento a percussione inventato in Svizzera nel 2000 da due artigiani, da allora si sta diffondendo senza sosta grazie ad una comunità di costruttori, ricercatori del suono, musicisti e semplici appassionati.

C’è la storia del rapporto di Kappo con la musica, trasformato per sempre dall’incontro fortuito con il disco armonico che in pochi mesi a cavallo del 2012 lo ha portato a diventare un vero e proprio musicista e performer.

C’è la storia di Kappo e del suo avatar su questo sito: iscritto al forum dal 3 dicembre 2004, ne è uno dei contributori principali con i suoi oltre tremila post e proprio sul forum di Cremonapalloza ha raccontato in diretta il suo innamoramento per il disco armonico in un topic che vi invito a (ri)leggere.

C’è anche la storia dell’evoluzione delle autoproduzioni musicali che permette di avere un disco professionale nel suono, negli arrangiamenti, nella produzione, nelle immagini e nell’artwork, ma qui si prende un’altra strada e forse è meglio che mi fermo con le storie.

Perché naturalmente c’è la musica, più di un’ora di musica. Quindici brani dai titoli evocativi come Storm, Saudade, Hypnotica o Blue Moon, con i quali immergersi in atmosfere sempre diverse e sempre evocative. Per essere suonato l’handpan richiede concentrazione e la fusione dell’artista con lo strumento: la tecnica non è complicata se confrontata con altri strumenti, ma l’armonizzazione non può limitarsi allo strumento ed alle mani che lo suonano, deve andare un po’ più in profondità, coinvolgere la mente ed il cuore del musicista. La stessa armonizzazione tra strumento e musicista può trasmettersi a chi ascolta e credo sia questo il senso del titolo dell’album, delle “anime sonore” che si sintonizzano su frequenze sonore ed emotive simili. Il rischio di uno strumento così particolare è che, senza questo tipo di impegno nell’ascolto, si può facilmente scivolare nella musica per ambiente o in quella New Age perché le sonorità sono simili, ma in tal caso potremmo comunque parlare di Ambient music e di New-Age music di qualità, mentre l’ascolto “sintonizzato” può veramente solleticare la nostra anima sonora. I brani trasportano da un mondo all’altro con fluidità e facilità, proprio come in un’atmosfera gassosa, invisibile, ma mutevole tra estremi molto lontani tra loro. Kappo sfrutta al meglio la tipica struttura di un disco, dando assaggi di tre, quattro minuti delle tante possibilità di questo strumento, coadiuvato da arrangiamenti, musiche di sottofondo, effetti sonori e, nel caso del brano Leo, che potrebbe sicuramente fare da singolo, anche da una splendida voce femminile.

Ottimo lavoro, tappa preziosa di un percorso che auguro ancora lungo e ricco di soddisfazioni.

Riguardo l' autore

jami

non c'è spazio a sufficienza per scrivere tutto.

Commenta

Clicca per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

D.E. S.I.C.A.

  • D.E. S.I.C.A. 14, un invito
    D.E. S.I.C.A. 14, un invito
    https://desica.cremonapalloza.org/wp-content/uploads/2019/01/DESICA14_invito.mp4l’artista John Felice DiLuglio ci regala un brano che nasconde qualche citazione dalle edizioni precedenti.
    Insomma, è già febbre da D.E. S.I.C.A. 14!... Continua »
  • D.E. S.I.C.A. 14
    D.E. S.I.C.A. 14
    Non lasceremo che quest’anno si concluda senza l’annuncio ufficiale delle date del D.E. S.I.C.A. 14, il concorso di cortometraggi a tema in 24 ore di Cremonapalloza, che si terrà a maggio 2019!
    La 24 ore per realizzare i corti scatterà venerdì 24 e si concluderà sabato 25;... Continua »

LIBER

  • Ore 6: caffè&metano
    In piedi alle 6.Stamattina mi sono svegliato con la schiena che gridava vendetta a tutto l’Olimpo, le spalle disarticolate e gli addominali non pervenuti.Forever young stocazzoChe poi, “svegliato”…. Diciamo che il mio involucro esterno si è messo in moto, in qualche maniera.Per evitare di addormentarmi con la faccia... Continua »
  • Una notte pulp a Den Haag
    Ieri pomeriggio avevo deciso di indossare la mia minigonna nera, fatto alquanto raro, perché oramai mi vesto sempre nel reame degli strascichi lunghi e ampi. Ma ieri, con una bruschezza che si autoconcludeva su di me e sul mio abito, avevo deciso di ritagliarmi uno spazio per qualcosa... Continua »

FORUM

  • Musica • Re: Il vinile del giorno
    Musica • Re: Il vinile del giorno
    The Rolling Stones - Their Satanic Majesties Request (1967, ristampa 2003)

    Anche se lo si ascolta da lucidi, se ne esce strafatti: il disco psichedelico degli Stones annega in un brodo che dir lisergico è un eufemismo, a partire dalla luccicante copertina del trentatré.

    ... Continua »
  • Agorà • Re: Coincidenze assurde
    Agorà • Re: Coincidenze assurde


    La Jusbi è la regina dell'universo, e io amo questa storia alla follia (complice il mio feticcio per le etimo).... Continua »