Teatro

Radio clandestina

radioclandestina

Lo spettacolo di Ascanio Celestini al Teatro Ponchielli, 27/01/2008

Partecipare alla Giornata Della Memoria è un dovere. Non dimenticare le atrocità compiute dal nazifascismo è un dovere. Ricordarsi che quegli atti che chiamiamo disumani sono stati compiuti da umani è un dovere.
Ma non è detto che il dovere non possa accompagnarsi al piacere, ed eccomi allora a scrivere due righe sul fantastico monologo teatrale di Ascanio Celestini, intitolato Radio clandestina e messo in scena proprio domenica 27 gennaio 2008, davanti alla platea di un Teatro Ponchielli (quasi) esaurito.
La scenografia è ridotta all’osso, ma anche particolare. Poco sopra la testa di Celestini passa una trave di legno a cui sono appese tre lampadine comuni, che vengono accese, spente o mosse dall’affabulatore stesso. Dietro di lui, una sedia. Il risultato è un quadro di Caravaggio: dal buio pesto emergono parte del volto dell’esile attore, la lunga barbetta da capra, le mani.
Ascanio, senza indugio e senza le a volte pesanti spiegazioni, introduce subito la cornice esterna, il pretesto. Racconta di quando una signora anziana e di bassa statura (‘a bassetta sarà il suo nome) gli si era un giorno avvicinata per strada, chiedendogli di leggerle alcune offerte immobiliari di ‘fittasi e vendesi. Lei, infatti, è analfabeta. E da questo fatto, tutto sommato raro oggi, ma ben più comune sessanta o settant’anni fa, parte il racconto nel racconto. Negli anni della guerra, a Roma, erano molte le persone analfabete che andavano al fu cinema Iris, a Porta Pia, a farsi leggere dal nonno del narratore gli annunci dei tedeschi sui giornali. La storia ha il suo snodo narrativo principale nell’arco di due sole giornate: il 23 marzo 1944 – l’attacco partigiano in Via Rasella: muoiono 33 soldati delle SS – e il giorno successivo: il 24 marzo è la data dell’eccidio delle Fosse Ardeatine, in cui per rappresaglia immediata i nazisti uccidono 335 persone, dieci per ogni soldato tedesco morto. Ma le dinamiche della storia cominciano molto prima, addirittura dall’istituzione di Roma capitale (1871).
Non mi sembra il caso di riportare per filo e per segno tutti gli sviluppi, anche se sarebbe molto semplice: la narrazione di Celestini ha sul pubblico un effetto magnetico, paragonabile a quello che un nonno ha sul suo nipotino, e gli eventi narrati sono comunque indimenticabili nel senso etimologico del termine. L’attore (a mio parere il maggior affabulatore italiano di teatro civile), liberato da qualsivoglia paletto formale, ci inonda con un fiume Tevere di stretto e strascicato romanesco, tanto che qualche rigagnolo qua e là viene perso. Ascanio apre e chiude parentesi quando e come gli pare, trovando applausi spontanei soprattutto quando fa riferimento alla situazione italiana attuale. Ascanio è il professore liceale di storia contemporanea che tanti di noi non hanno avuto, quello che ti parla della Roma del quartiere popolare EUR e dei bombardamenti, anzichè; farti una testa così a furia di Sacro Romano Impero e Feudalesimo. Ascanio è anarchico.
Radio clandestina è un dovere ed è un piacere.

McA

Riguardo l' autore

jami

non c'è spazio a sufficienza per scrivere tutto.

D.E. S.I.C.A.

  • D.E. S.I.C.A. 14 – I Vincitori!
    D.E. S.I.C.A. 14 – I Vincitori!
    🏆 MIGLIOR CORTOMETRAGGIO
    Ciak Si Mira – Il cerchio 🏆 MIGLIOR INTERPRETAZIONE
    Daniela Capra, Fausta Pesce, Augusta Capra per
    I Polisaccaridi – Pelo e contropelo 🏆 MIGLIOR MONTAGGIO
    Señor Jay Eras Pictures – Stand Up 🏆 MIGLIOR SCENEGGIATURA
    Coumpagnaa Col Portulòto – Uno in due 🏆 PREMIO DEL PUBBLICO
    Señor Jay Eras... Continua »
  • D.E.S.I.C.A. 14 – La Giuria vi osserva!
    D.E.S.I.C.A. 14 – La Giuria vi osserva!
    Finalmente svelata la Giuria per l’edizione 14 del D.E.S.I.C.A. : Andrea Leanza, Irene Tedeschi e Moreno Comotti giudicheranno i cortometraggi in concorso, supportati come sempre dallassociazione Cremonapalloza in fase di verifica delle consegne. L’ appuntamento è per il 31 maggio al cinema Filo con l’apertura dell’ingresso alle ore... Continua »

LIBER

  • Ore 6: caffè&metano
    In piedi alle 6. Stamattina mi sono svegliato con la schiena che gridava vendetta a tutto l’Olimpo, le spalle disarticolate e gli addominali non pervenuti. Forever young stocazzo Che poi, “svegliato”…. Diciamo che il mio involucro esterno si è messo in moto, in qualche maniera. Per evitare di addormentarmi con la faccia... Continua »
  • Una notte pulp a Den Haag
    Ieri pomeriggio avevo deciso di indossare la mia minigonna nera, fatto alquanto raro, perché oramai mi vesto sempre nel reame degli strascichi lunghi e ampi. Ma ieri, con una bruschezza che si autoconcludeva su di me e sul mio abito, avevo deciso di ritagliarmi uno spazio per qualcosa... Continua »

FORUM

  • Agorà • Re: Coincidenze assurde
    «Questo è certo: nella nostra amicizia non c'è spazio per l'inconsapevole.
    Al limite per l'inconscio».Il mio cuore ha appena ricevuto un piccolo pugno orgasmico.

    Fiera d'averci lasciato lo zampino.... Continua »
  • Agorà • Re: Coincidenze assurde
    Mi sono accorto di ciò oggi, leggendo qua e là sul Forum.
    In un topic di discussioni lombrosiane, Baol scrive un post in cui, tra le altre cose, rievoca la prima volta che mi ha visto.
    Anni prima, in tutt'altro topic, in un mio post, parlavo di quel giorno e... Continua »