Teatro

Il sergente

paolini

Lo spettacolo di Marco Paolini al Fillmore, 26/04/2007

Bella la fiducia di un padre per un figlio, bella la fiducia di Mario Rigoni Stern per Marco Paolini: «Fai tu, mi fido», ha risposto lo scrittore all’attore, che gli comunicava l’intenzione di lavorare sul suo testo Il sergente nella neve. Marco Paolini è figlio di Rigoni Stern perchè; appartiene alla generazione di quelli (come chi scrive) che la guerra l’hanno sentita dai vecchi di casa e l’hanno captata con la curiosità con la quale i bambini origliano i discorsi dei grandi.
In una sostanziale fedeltà al testo, ma con un ricorso più radicale al dialetto e con un’accentuazione della vis comica, meno presente nel romanzo, Paolini ci racconta per cento minuti, senza intervallo, catturando costantemente la nostra attenzione e la nostra partecipazione, le vicende della ritirata di Russia, lo spaesamento, ma anche la capacità di rimanere umani, dei soldati del sergente Rigoni Stern, che non dimenticavano di bussare alla porta delle isbe per chiedere cibo o latte, buono come quello delle malghe.
La scenografia è semplicissima: tre pannelli a specchio sullo sfondo, una grande carta geografica non eurocentrica, ma incentrata sulle regioni della Russia, una sedia ora a terra, ora a mo’ di zaino sulle spalle dell’attore. Sul palco anche il maestrino di scena (Marco Austeri), che fa compagnia al protagonista ascoltando il suo monologo ed intervenendo, seppure da mimo deuteragonista.
La follia fa parte della guerra, di quelle passate e di quelle in corso (ma Paolini ci ricorda che succede anche in tempo di pace di essere rimbambiti, istupiditi). Così uno dei momenti più toccanti del monologo, dilatato rispetto alla pagina di Rigoni Stern, è l’episodio del Sergentmagiù a colloquio con il soldato impazzito di guerra. Ma la domanda ricorrente di Giuanin al suo sergente: «Sergentmagiù, ghe rivarem a baita?», lo ancora alla sua responsabilità di sottufficiale e le parole di risposta sono sempre di incoraggiamento: «Dobbiamo restare sempre uniti».
In appendice alla sua affabulazione, Marco Paolini ha brevemente raccontato del suo viaggio di preparazione allo spettacolo, durante il quale una contadina russa, in segno di ospitalità, gli ha fatto dono della coperta che lui stesso ha portato addosso per una parte della messa in scena. Alle proteste dell’attore, che si sentiva in dovere di pagargliela, la donna ha risposto: «No, non pagare, tu sei in viaggio e ne hai più bisogno».
Grande affabulatore e grande attore, è grande il nostro Marco Paolini.

Maria Compagnini

Riguardo l' autore

jami

non c'è spazio a sufficienza per scrivere tutto.

D.E. S.I.C.A.

  • D.E. S.I.C.A. 14 – I Vincitori!
    D.E. S.I.C.A. 14 – I Vincitori!
    🏆 MIGLIOR CORTOMETRAGGIO
    Ciak Si Mira – Il cerchio 🏆 MIGLIOR INTERPRETAZIONE
    Daniela Capra, Fausta Pesce, Augusta Capra per
    I Polisaccaridi – Pelo e contropelo 🏆 MIGLIOR MONTAGGIO
    Señor Jay Eras Pictures – Stand Up 🏆 MIGLIOR SCENEGGIATURA
    Coumpagnaa Col Portulòto – Uno in due 🏆 PREMIO DEL PUBBLICO
    Señor Jay Eras... Continua »
  • D.E.S.I.C.A. 14 – La Giuria vi osserva!
    D.E.S.I.C.A. 14 – La Giuria vi osserva!
    Finalmente svelata la Giuria per l’edizione 14 del D.E.S.I.C.A. : Andrea Leanza, Irene Tedeschi e Moreno Comotti giudicheranno i cortometraggi in concorso, supportati come sempre dallassociazione Cremonapalloza in fase di verifica delle consegne. L’ appuntamento è per il 31 maggio al cinema Filo con l’apertura dell’ingresso alle ore... Continua »

LIBER

  • Ore 6: caffè&metano
    In piedi alle 6. Stamattina mi sono svegliato con la schiena che gridava vendetta a tutto l’Olimpo, le spalle disarticolate e gli addominali non pervenuti. Forever young stocazzo Che poi, “svegliato”…. Diciamo che il mio involucro esterno si è messo in moto, in qualche maniera. Per evitare di addormentarmi con la faccia... Continua »
  • Una notte pulp a Den Haag
    Ieri pomeriggio avevo deciso di indossare la mia minigonna nera, fatto alquanto raro, perché oramai mi vesto sempre nel reame degli strascichi lunghi e ampi. Ma ieri, con una bruschezza che si autoconcludeva su di me e sul mio abito, avevo deciso di ritagliarmi uno spazio per qualcosa... Continua »

FORUM

  • Agorà • Re: Coincidenze assurde
    «Questo è certo: nella nostra amicizia non c'è spazio per l'inconsapevole.
    Al limite per l'inconscio».Il mio cuore ha appena ricevuto un piccolo pugno orgasmico.

    Fiera d'averci lasciato lo zampino.... Continua »
  • Agorà • Re: Coincidenze assurde
    Mi sono accorto di ciò oggi, leggendo qua e là sul Forum.
    In un topic di discussioni lombrosiane, Baol scrive un post in cui, tra le altre cose, rievoca la prima volta che mi ha visto.
    Anni prima, in tutt'altro topic, in un mio post, parlavo di quel giorno e... Continua »