Arte Cremona

Intelligence Surface, la mostra al CRAC

Intelligence Surface

Artisti | Shinja Sakurai, Toshiki Camigio
Curatori | Dino Ferruzzi, Gianna Paola Machiavelli
Inaugurazione | sabato 14 gennaio 2009, ore 18:00
Apertura al pubblico | dal 14 gennaio al 14 febbraio 2009
Orari di apertura | da lunedì a venerdì ore 10:00-16:00, sabato ore 10:00-13:00 e su appuntamento, festivi chiuso
Patrocini | Comune e Provincia di Cremona, Ufficio Scolastico Provinciale di Cremona
Sede e informazioni | CRAC – Centro Ricerca Arte Contemporanea

Liceo Artistico Statale Bruno Munari
Via XI Febbraio, 80 – Cremona
tel/fax 0372 34190
cell. 347 7798839
crac.cremona@artisticomunari.it
www.crac-cremona.org

Sakurai e Camigio sono due artisti giapponesi residenti in Italia, il loro lavoro è ricco di riferimenti alla tradizione del proprio Paese ma allo stesso tempo è attento e partecipe ai fenomeni del contemporaneo. La necessità culturale tipica del Giappone, di dover conciliare cultura e tradizioni antichissime radicate e ricerca tecnologica avanzata, mostrata e raccontata attraverso il cinema, la letteratura, l’architettura ecc. è una sorta di condizione esistenziale profonda che anche giovani artisti come Sakurai e Camigio si portano dentro. Questa dualità è espressa dagli artisti con tutta la leggerezza possibile, nel loro linguaggio coesistono shibori e origami ma anche attenzione alla ricerca formale e alle tematiche sociali forti che sono la storia del nostro tempo. Le superfici pittoriche di Shinja Sakurai sono delle vere geografie esistenziali, ricche di striature di colore, tinte colate, velluti, reticoli che trattengono piccole forme arrotondate e cuori rossi. La base è data utilizzando l’antica tecnica decorativa shibori, in auge intorno all’era Edo, che consiste nel legare o manipolare il tessuto e immergerlo in un bagno di tintura che crea una sorta di fantasia astratta. Su questa superficie l’artista interviene stratificando materie colorate e stoffe con riferimenti vicini alla Pop Art, raccontandoci con leggerezza di un’umanità che ha perso la ragione ma a cui da un futuro.
Shinja Sakurai è nato ad Hiroshima. Le architetture improbabili di Toshiki Camigio, come le definisce lui Infinite Tower o sequenze di superfici self-multiple, sono dei veri esercizi zen. L’artista utilizza la tecnica degli origami per costruire un rifugio alto cinque metri, una sorta di torre di Babele, il riferimento alla mitica costruzione non è casuale. Infinite Tower sarà completata in tre giorni ed è composta da tre figure semplici, un quadrangolo e due triangoli connessi tra loro che, seguendo delle regole costruttive formeranno una struttura a torre ottenuta dalla forma di tre spirali. In tre giorni Camigio, con carta e filo rosso, in un esercizio infinito di competizione e resistenza, ma con molta pazienza, cucirà tra di loro tutte le parti, rivelando un altro mostro generato dalla ragione e dalla storia. Per l’occasione Motoyuki Matsuoka, pasticciere a Shimanto (Giappone), ispirato dalle opere esposte, preparerà dei dolci che potranno essere degustati dai visitatori.

Riguardo l' autore

jami

non c'è spazio a sufficienza per scrivere tutto.

Commenta

Clicca per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

D.E. S.I.C.A.

  • I premiati del D.E. S.I.C.A. 16
    I premiati del D.E. S.I.C.A. 16
    D.E. S.I.C.A. 16
    Daylong Emergent Showbiz Initiative Cremonapalloza Award Miglior cortometraggio
    Loma Video – Lapis canit Miglior interpretazione
    Francesco Samperi per Sto Arrivando A Milano Centrale E Non Ho Molto Tempo Per Pensarci – Come te Miglior montaggio
    DCF | Warinhari – La pietra Miglior sceneggiatura
    Coumpagnaa Col... Continua »
  • D.E. S.I.C.A. 16 al via, ecco il tema
    D.E. S.I.C.A. 16 al via, ecco il tema
    Il tema del D.E. S.I.C.A. 16 è: La pietra dello scandalo... Continua »

LIBER

  • 10 secondi
    Che flash, che botta, un’allucinazione bellissima.
    Lui, Diego Armando Maradona, con la maglia della Cremo.
    Durò 10 secondi, ma furono fantastici.
    L’immagine più bella di quel 4 febbraio 1990.... Continua »
  • Il derby
    Stava partendo, il treno che ci avrebbe portato al derby stava partendo.
    La metà dei presenti non era ancora nata quando si era giocato l’ultimo, e l’altra metà era troppo piccola fin per farsi le seghe.
    Qualche vecchio che ha fatto il derby c’è, la maggior parte di... Continua »

FORUM

  • ImmaginAzione • Re: Quadri, una collezione.
    Insomma, è senza dubbio l'esposizione che più mi segnò negli anni liceali, a pari merito con Le Ruote Quadrate.Tu lo sai che Le Ruote Quadrate è un'esposizione pensata e relizzata a Calitri, vero?... Continua »
  • ImmaginAzione • Re: Quadri, una collezione.
    Ricordate i manifesti ovunque?Ricordo alla perfezione la mostra, ricordo alla perfezione i manifesti e soprattutto ricordo alla perfezione le nostre risatine strozzate e i reciproci sguardi d'intesa nell'apprendere (da chi ne sapeva) la corretta pronuncia olandese, che si può ascoltare qui tra 2:44 e 2:52. Ash e io... Continua »